Musumeci: “I cittadini tornino protagonisti”

S. ALESSIO – La parola d’ordine de La Destra è  movimentismo perché oggi, con i partiti sempre più inadeguati a dare risposte ai cittadini, in Sicilia e nel Paese c’è l’esigenza diffusa della politica sul territorio. E’ questo in sintesi il messaggio lanciato dall’europarlamentare Nello Musumeci nel corso di un’affollata assemblea pubblica su “Perché La Destra”, svoltasi nel salone di un hotel di S. Alessio su iniziativa della locale sezione del movimento, guidata dal portavoce Rosario Trischitta, e dell’Associazione Libera riviera jonica, presieduta da Franco Caminiti.
Dopo il saluto del sindaco Giovanni Foti e l’introduzione dei consiglieri comunali di Sant’Alessio Nino Lo Monaco e di Nizza di Sicilia Mimma Brigandì, ha preso la parola la coordinatrice regionale femminile Rosaria Leonardi che ha sottolineato che “c’è un grande spazio di destra, che aspetta di essere occupato da una destra popolare, identitaria e sociale”.
Secondo Musumeci “la politica è in crisi perché sono in crisi i partiti, ormai auto referenziali e incapaci di parlare al cuore della gente, che non è interessata al dibattito sulla legge elettorale ma vuole sapere come arrivare alla fine del mese, o quali sono le risposte alla crescente disoccupazione o alla sempre più diffusa illegalità”.
“Destra era e resta – ha sottolineato il responsabile nazionale Enti locali del movimento guidato da Francesco Storace – sinonimo di modernità, di attenzione verso i ceti deboli, di chiarezza, ordine, sicurezza e, soprattutto, direi valori. Che è quel che cercano i cittadini. Non concetti astratti, non opportunismo politico, ma certezze e posizioni inequivocabili”.
Per questo La Destra intende “restituire protagonismo al cittadino – ha aggiunto Musumeci – a cominciare dalla possibilità di poter esprimere la preferenza alle elezioni politiche. Occorrono nuove regole – ha concluso – un codice etico e l’ancoraggio a valori certi e condivisi”.

Leave a Response