L’on. Ballistreri: mobilitazione per tagli sanità

“La decisione di cassare ben 18 guardie mediche nel territorio messinese, sulle 54 da tagliare in Sicilia, appare come un atto punitivo contro i cittadini della nostra provincia”, lo dice il deputato socialista e capogruppo UpS all’Ars on. Maurizio Ballistreri, che sottolinea
“l’inutilità di questo provvedimento per quanto riguarda il risparmio, il cosiddetto rientro della spesa nella Sanità siciliana e la sua dannosità sociale. Un danno pesante per i cittadini, per quei territori fino a ora serviti dalle guardie mediche, specialmente in comprensori lontani decine di chilometri da nosocomi e pronto soccorsi come quello di Alì Terme o dei comprensori dell’Alcantara e Tirreno-Nebrodi.  Un danno importante anche per quei giovani medici che, in tempi di concorsi bloccati, trovano in questo servizio la loro occasione di impiego”. Ballistreri invita l’assessorato alla Sanità “a rivedere la decisione” e propone un’ampia mobilitazione dei cittadini.

Leave a Response