Messina su 103 città all’81. posto per qualità vita

Un’Italia ancora divisa in due e che sta compiendo pochi passi avanti. La tradizionale ricerca della Qualità della vita secondo la classifica stilata dal ”Sole 24 Ore” e volta a misurare la vivibilità delle 103 province, dà ancora una volta lo scettro a un’area del Nord e la maglia nera a una del Sud: Trento e Agrigento. Ma – al di là dei punteggi e della pagella finale – dalla competizione giocata sulle statistiche emerge un quadro statico sotto diversi aspetti: l’occupazione, la sicurezza, la ricchezza disponibile, i mali delle metropoli. Per le città siciliane meno vivibili e che vede Agrigento fanalino di coda a livello nazionale, i gradini più bassi sono occupati da Messina all’81° posto, anche se è in salita di tre posizioni rispetto allo scorso anno. Ragusa resta stabile all’82°, a seguire Siracusa (83), Enna (87), Trapani (90), Palermo (92), Caltanissetta (96), Catania (100). La Provincia di Siracusa è in ascesa di 13 posizioni rispetto allo scorso anno, in sensibile miglioramento anche Trapani (+6), Palermo (+7), Catania (+3). In discesa, invece, Enna.
Trento in testa alla classica è seguita da Bolzano e Aosta.

Leave a Response