L’on. De Luca fuori dalla Commissione Bilancio

PALERMO – Il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, l’on. Gianfranco Miccichè, con decreto n°463 del 3 dicembre ha destituito gli onorevoli Cateno De Luca e Nunzio Maniscalco dalla commissione Bilancio dell’Ars, nominando al loro posto gli on. Giovanni Di Mauro ed Armando Aulicino su indicazione dell’ Mpa. I lavori della commissione, già convocata per stamattina alle ore 10,30, sono stati rinviati ad oggi pomeriggio alle ore 16 per la presa d’atto del decreto ed il consequenziale insediamento dei nuovi componenti.
“Sfidare la casta – dichiara l’on. Cateno De Luca, significa compromettere anche la propria carriera politica, perché il palazzo ti prende di mira e ti uccide nell’indifferenza e complicità generale dei suoi inquilini.
L’on. Miccichè – continua De Luca – è un personaggio innovativo, ma utilizza i metodi tradizionali per zittire chi si ribella ai potentati politici. Non mi si perdona – sostiene De Luca – l’iniziativa referendaria che ha smascherato i trucchi di una legge indegna. Ero un personaggio scomodo in Commissione Bilancio – incalza De Luca – perché non ho mai accettato supinamente le falsità e gli artifizi contabili che ci hanno sottoposto per tappare i buchi del clientelismo parassitario architettato dalla casta politica siciliana. Da oggi pomeriggio l’on. De Luca – ha deciso di occupare la Commissione Bilancio a costo – ha dichiarato – di farmi pestare dai commessi d’aula”.

De Luca, intanto, ha programmato un incontro i giornalisti per mercoledì 5 dicembrealle ore 10,45 nella sala stampa dell’Assemblea regionale siciliana a Palermo. L’on. De Luca ha anticipato che denuncerà i retroscena che hanno portato all’assurdo provvedimento nei suoi confronti.

E sulla vicenda, c’è da registrare una nota dell’on. Leoluca Orlando e del sen. Fabio Giambrone: “Quanto avvenuto nella Commissione Bilancio dell’Ars  e quanto denunciato dall’on. Cateno De Luca rappresenta quanto sia impermeabile all’etica e alla sensibilità istituzionale la casta del governo regionale siciliano” è il duro commento di una nota congiunta di Orlando e Giambrone. Secondo il portavoce nazionale e il commissario regionale di Italia dei Valori “le denunce espresse da De Luca hanno una valenza altissima su cui è opportuno entrare nel merito, non solo politicamente, dato che sono chiamate in causa le finanze amministrate dalla Regione che non poche ricadute hanno sulla vita di tutti i siciliani”.

Leave a Response