L’on. Ballistreri, disegno di legge per casinò Taormina

“Incrementare il turismo di qualità, creare posti di lavoro e un forte indotto economico, rimpinguare le casse comunali”. Sono alcuni dei vantaggi che deriveranno dalla riapertura di un Casinò a Taormina, secondo il deputato regionale del Partito Socialista, Maurizio Ballistreri, che ha depositato un disegno di legge all’Ars finalizzato all’istituzione di una Casa da gioco nella capitale del turismo siciliano.
 “Il titolo quinto della Costituzione, dopo le ultime modifiche, dà nuove possibilità concrete di intervenire con una norma in Sicilia – spiega il capogruppo di Uniti per la Sicilia – mentre gli ultimi pronunciamenti della stessa Corte Costituzionale in materia di pubblica sicurezza rimuovono comunque i problemi che in precedenza impedivano all’Ars di legiferare in materia”.
 Insomma, l’Ars può finalmente fare una legge per l’istituzione di Casino sul territorio regionale “una istituzione – rimarca Ballistreri – che sarebbe anche un atto di giustizia per l’Isola, vista l’esistenza di quattro case da gioco, tre su territorio nazionale e una nell’enclave di Campione, tant’è che la giurisprudenza costituzionale ha richiamato la necessità di una disciplina organica e razionalizzatrice”. Ciascuna delle quattro Case è stata aperta in deroga agli articoli 718 e seguenti del Codice penale, grazie a decreti specificanti la concessione di gestione ai municipi purché senza aggravio per il Bilancio dello Stato. “Quella di Saint Vincent, poi – sottolinea il presentatore del ddl – fornisce la gran parte delle entrate all’intera regione Val D’Aosta: immaginiamo, di converso, quali vantaggi economici e in termini di occupazione lavorativa ne deriverebbero per a Taormina e per l’intero area ionica!”.
 “A prescindere dai posti di lavoro legati direttamente alla funzionalità del Casinò – ribadisce Ballistreri – l’apertura della Casa a Taormina ne creerebbe ancora nel cosiddetto indotto e farebbe da volano a uno sviluppo totale del territorio. Gioverebbe agli esercizi commerciali di tutta la zona, a cominciare dagli alberghi e dagli impianti per la ristorazione accanto ai servizi trasporti. In pratica, un gran flusso di soldi del quale ogni cittadino del comprensorio finirebbe per godere” conclude.

Leave a Response