Capo Alì. E’ stata riaperta stasera la statale 114

ALI’  TERME – Poco prima delle 19 di stasera è stata riaperta la statale 114  Messina-Catania nel tratto di Capo Alì, rimasta chiusa dal  25 ottobre scorso, giorno del violentissimo nubifragio, a causa di alcuni smottamenti che avevano interessato la carreggiata. in più punti. L’apertura della strada era stata prevista per domani mattina ma i responsabili Anas hanno anticipato i tempi dopo aver effettuato un ennesimo sopralluogo tecnico che ha escluso il rischio di altre frane dalle colline che per oltre 3 chilometri si stagliano sulla carreggiata. Rischio eliminato grazie al duro lavoro dei dipendenti Anas, ditte private e di una squadra di rocciatori che ha messo in sicurezza il costone roccioso sfidando spesse volte le avverse condizioni meteorologiche. Nell’arco di poco più di una settimana sono state rimosse dalla carreggiata numerose tonnellate di massi, grosse pietre e terriccio. L’annuncio della riattivazione dell’importante arteria è arrivato come una liberazione per gli automobilisti che in questi ultimi quindici giorni avevano manifestato in qualche occasione un comprensibile stato di malcontento perché costretti ad allungare di parecchi chilometri il percorso utilizzando l’autostrada da e per Messina anche per brevi spostamenti. A Capo Alì, comunque, ci saranno altri tipi di disagi perché i lavori andranno avanti fino a tutto dicembre per consentire il completamento degli interventi che prevedono, tra l’altro, la sostituzione di alcuni tratti della rete metallica di protezione rimasta ‘’strappata’’ sotto la spinta degli smottamenti. E ciò significa che il traffico durante il giorno sarà bloccato a fasce orarie e si transiterà solo su una corsia. A Capo Alì, comunque, la situazione rimane nella sua complessità tutta da vagliare visto che gli interventi di questi ultimi anni, costati diversi miliardi delle vecchi lire per consentire l’imbrigliamento del fronte collinare, non hanno portato alla definitiva risoluzione del problema relativo al pericolo frane. In pratica, in quel tratto di strada durante i giorni di pioggia il pericolo rimane alto.

Leave a Response