Taormina. Omicidio Muscolino, chiesti quattro ergastoli

TAORMINA – Il pm del tribunale di Messina Vincenzo Cefalo ha chiesto quattro ergastoli per la banda di slavi nomadi che durante una rapina uccisero l’11 settembre 2005 l’imprenditore Pancrazio Muscolino e ferirono il figlio nella villa della frazione Chianchitta. Sei anni di carcere e 2.000 euro di multa sono sati chiesti invece per le due donne che per giorni controllarono i movimenti di Muscolino davanti al supermercato di cui era proprietario. Il carcere a vita è stato chiesto per Milovan Dimitrijevic, Vojkan Dimitrijevic, Zarko Fetovskj, Slobodan Dimitrijevic, che fecero parte del commando assassino; mentre rischiano 6 anni di carcere le nomadi Djuka Dimitrijevic e Vesna Radosalljevic, che ebbero il ruolo di compiere alcuni sopralluoghi prima del colpo nella villa dell’imprenditore e poi di ricettare i gioielli razziati. Il pm Cefalo ha poi chiesto l’estinzione del reato per il nomade Nenad Pantic, morto dopo alcune ore dalla rapina a seguito delle ferite subite da alcuni colpi di pistola esplosi dalla vittima. Il corpo del nomade venne poi ritrovato sulla spiaggia di Villafranca Tirrena. Il 21 ottobre del 2006 altri sei componenti la banda che avevano scelto il rito abbreviato erano stati condannati all’ergastolo.

Leave a Response