Barcellona, calci e pugni per un parcheggio: 4 arresti

BARCELLONA – Botte da orbi per un posto auto. I carabinieri di Barcellona hanno arrestano quattro persone responsabili di rissa. È stata una telefonata al numero di pronto intervento 112 della Centrale Operativa dei Carabinieri di Barcellona a far scattare l’allarme e l’immediato intervento sul posto di diverse pattuglie del Nucleo Radiomobile. A dare l’allarme ai carabinieri una telefonata anonima con la quale veniva segnalata che nella centralissima via Teatro Vecchio, era in corso una furiosa. I Carabinieri giungevano sul posto a sirene spiegate, sorprendendo quattro persone , tra cui una donna, intenti ascambiarsi calci pugni, sputi e insulti. I militari dell’Arma, dopo aver plcato gli animi, hanno identificato i quattro inGiovanni Nicosia, 32 anni, Ruslan Avramenko, 26 anni, nato in Russia, Pietro Salvatore Calvo, 37 anni, Maria De Pasquale, 35 anni, tutti barcellonesi. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri, il futile motivo che ha fatto scattare la rissa è da ricondursi al mancato parcheggio, su un’area a pagamento, dovuta ad una manovra “azzardata” effettuata dal cittadino russo, che di fatto ha impedito la sosta dei tre barcellonesi, anch’essi a bordo di autovettura. Immediate le rimostranze dei tre di Barcellona, nonostante il cittadino russo fosse arrivato per primo. Dalle parole si è immediatamente passati alle mani e nella mischia è stata coinvolta anche la donna trentenne. Per tutti, dopo le necessarie cure mediche del locale pronto soccorso, che hanno previsto in particolare per il cittadino russo 15 giorni di prognosi, sono scattati gli arresti domiciliari.

Leave a Response