Taormina. Turismo: italiani in calo, più stranieri

TAORMINA – Sono sempre i turisti italiani a fare, in negativo, la differenza. E’ proprio il movimento interno a caratterizzare i dati sulle presenze turistiche negli esercizi ricettivi di Taormina. Per quanto riguarda gli stranieri, invece, continua la crescita. Taormina, quindi, resta lo specchio fedele di quanto sta accadendo in campo nazionale. Le statistiche elaborate dall’Azienda Soggiorno e Turismo, infatti, mettono in evidenza le difficoltà economiche con le quali le famiglie italiane sono costrette ad avere a che fare.  L’Aast, nel suo bollettino, mette in evidenza un dato che è giudicato incoraggiante. A settembre le presenze sono cresciute complessive, dell’1,45%. Anche ad agosto e luglio si erano registrati segni positivi, esattamente dell’1,33 e dell’1,09 per cento. Nel periodo gennaio-settembre a Taormina sono arrivati 218.874 turisti contro i 228.207 del 2006. Nello stesso periodo le presenze complessive sono state 875.930 contro le 892.844 dello scorso anno. Questo vuol dire che sono andati, sinora, persi 16.914 pernottamenti.
Anche nei mesi estivi, però, il turismo di casa nostra, a Taormina, ha avuto delle difficoltà. E’ calato del 17,06 nel periodo gennaio-settembre e del 12,77% solo a settembre. “Per gli stranieri –dicono gli esperti dell’Aast- le cose, invece, vanno abbastanza bene”. Su base annua crescono dell’1,66% negli alberghi ed, addirittura, del 16,63% negli esercizi complementari. Complessivamente a Taormina sono andate perdute 16.914 presenze. “A queste condizioni –commenta l’assessore al Turismo, Salvo Cilona- posso dichiarare solo che sono veramente soddisfatto. Taormina riesce a contrastare il calo dei turisti italiani con un incremento delle presenze degli stranieri. Questa non è sicuramente crisi. Tengo a precisare, inoltre, che, secondo i dati dell’AAST, i clienti degli alberghi, rispetto al passato, scelgono di restare più giorni a Taormina. Questo vuol dire che questa città continua ad essere apprezzata”.
“Sicuramente –commenta il vice sindaco, Eligio Giardina- i conti bisognerà farli alla fine dell’anno. Da adesso, però, si può dire che il 2007 non sarà un anno turistico da dimenticare. Forse sarà tutto il contrario visto che, male che vada, registreremo il terzo posto nella classifica di tutti i tempi. Un risultato che arriva in un periodo molto particolare per il turismo italiano”.

Leave a Response