L’on. De Luca dice ”no” al Dpef della Regione Sicilia

L’on De Luca, Segretario della Commissione Bilancio e Presidente del Movimento Politico DCA – Sicilia Vera, durante l’odierna audizione della Corte dei Conti in Commissione Bilancio, ha chiesto che il DPEF trasmesso dal Governo Regionale venga dichiarato irricevibile perché carente di numerosi argomenti sui quali il Governo si era impegnato ad intervenire a seguito di diverse raccomandazioni ed ordini del giorno approvati dall’Assemblea Regionale Siciliana all’unanimità.
L’on.De Luca, evidenzia la totale assenza nel DPEF delle politiche inerenti le dismissioni di Sviluppo Italia in Sicilia, di vere politiche di risanamento economico e finanziario, di concrete politiche di diminuzione della spesa corrente, dell’andamento effettivo delle entrate derivanti dalla “svendita dei beni immobili” che nel 2007 hanno già creato un buco di oltre 700 milioni di euro.
Inoltre, l’on. De Luca, fa rilevare ”l’approssimazione del DPEF sull’effettivo indebitamento della Regione Siciliana che è ben oltre i 2 miliardi di euro timidamente accennati nel documento in questione”.
La prova di ciò si è ulteriormente avuta durante l’odierna audizione dell’Assessore Regionale all’Agricoltura che a seguito delle puntuali e specifiche domande dell’on. De Luca in Commissione Bilancio, ”ha dovuto ammettere che la finanziaria, approvata ieri lunedì 1 Ottobre, dal Governo Regionale non contempla la somma di circa 100 milioni di euro, per gli anni 2006-2007, necessari per far fronte agli oneri derivanti dall’applicazione del nuovo CCNL del comparto forestale e della messa a regime della legge 14 per i lavoratori del comparto forestal”.

 

”Questa situazione, continua De Luca, evidenzia che non solo l’elaborazione del DPEF si fonda su dati contabili poco credibili ma la finanziaria già approvata dal Governo Regionale non tiene conto dei buchi correnti di ogni singolo Dipartimento dell’apparato amministrativo regionale.”
A tal fine l’on. De Luca, ha chiesto che i Dirigenti dei singoli Dipartimenti ”redigano una puntuale relazione sull’attuale situazione economico-finanziaria di competenza e che la stessa faccia parte integrante nel nuovo testo DPEF e del Ddl  sul Bilancio e finanziaria 2008”. 
”Non pretendiamo, conclude De Luca, che si applichi la tanta decantata fiscalità di vantaggio ma la Sicilia ed i Siciliani sono stanchi della fiscalità di svantaggio che le imprese ed i cittadini sono costretti a subire per far fronte alle scellerate spese del comparto della Sanità e alle miopi politiche che il governo regionale continua a propinarci”.

Leave a Response