Fiumedinisi. Concluse le manifestazioni estive

FIUMEDINISI – Bilancio largamente positivo per la stagione estiva di Fiumedinisi. Il cartellone “Tra Fede, Cultura e Tradizioni Popolari”, promosso dal Comune e dal Consorzio per la Valorizzazione degli Antichi Mestieri, ha richiamato nel caratteristico borgo medievale migliaia di visitatori.
Tre mesi di teatro, musica, danza e tanti eventi speciali. A partire dalla “Notte Bianca,” che ha registrato oltre 4000 presenze, per finire ad alcuni momenti tradizionali della cultura popolare siciliana, come la “Festa della Tosatura”, la “Festa del Grano” e la “Rassegna Internazionale degli Antichi Mestieri e Tradizioni Popolari”, giunta alla seconda edizione. Tra gli artisti di maggior richiamo, i cantanti Brigantony, Fiordaliso e Don Backy.
Ma il vero evento dell’estate fiumedinisana 2007 è stata la Festa della Vara, che ha registrato, lo scorso 12 agosto, una partecipazione di circa 10 mila persone, arrivate da ogni parte d’Italia e dall’estero. Una festa unica nel suo genere in tutta la Sicilia, che si svolge solo ogni 5 o 6 anni, caratterizzata da una vara portata a spalla da circa 150 devoti, con al di sopra personaggi viventi che raffigurano l’Annunciazione.
“La rassegna – ha dichiarato il sindaco Cateno De Luca – ha centrato tutti gli obiettivi preposti, nell’ottica di unire alla cultura l’espressione artistica della valorizzazione del territorio. È proprio dalla valorizzazione che parte il nostro progetto, che vuole elevare Fiumedinisi a luogo d’eccellenza del turismo culturale e delle tradizioni popolari, ponendo in risalto non solo le bellezze architettoniche e storico-paesaggistiche del paese, ma soprattutto la tutela del nostro ambiente naturale, valorizzandone le opportunità di fruizione innovativa e di sviluppo sociale ed economico”.
Intanto, fervono i preparativi per la festa della Santissima, che si  terranno la prima domenica di settembre con il pellegrinaggio alla chiesetta dell’omonima contrada. Sarà un weekend di grande devozione, arricchito da degustazioni, giochi tradizionali e visite guidate lungo i sentieri più suggestivi delle valli dei Peloritani.

Leave a Response