Nino Beninati: ”Organico dei VdF sottodimensionato”

MESSINA – “E’ davvero assurdo, inconcepibile che la Provincia di Messina, la più grande di Sicilia, debba fronteggiare l’emergenza incendi con un organico di circa 30 vigili per turno”. Ad affermarlo l’assessore alla cooperazione, Antonino Beninati, presente questa mattina, su espressa delega del presidente Cuffaro, quale rappresentante del governo regionale, alla riunione in Prefettura, col capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso. “Quando ho appreso dal comandante provinciale dell’esiguità degli uomini a disposizione su un territorio così vasto e difficile da governare in caso di emergenza – ha affermato Beninati – sono rimasto sorpreso, e credo che questa sia la prima priorità da affrontare concretamente, lasciando da parte le parole di circostanze. Proprio per questo riferendo al governo regionale, mi farò portavoce di una richiesta ufficiale di potenziamento dell’organico al governo nazionale affinchè il corpo dei vigili del fuoco venga dotato di uomini e mezzi adeguati. E’ opportuno che la ripartizione delle risorse avvenga secondo la reale valutazione delle esigenze del territorio e che alla provincia di Messina vengano destinati uomini, mezzi e fondi per fronteggiare l’emergenza ma soprattutto per progettare e realizzare un efficace piano di prevenzione”. L’assessore Beninati è intervenuto poi sul problema del coordinamento degli interventi. “Sempre dai vari interventi emersi in prefettura ho notato che si opera in maniera slegata, senza un vero e proprio coordinatore che abbia capacità decisorie e di intervento immediato. Anche questo è un gap che diventa fondamentale nel momento delle criticità, ragion per cui come governo regionale chiederemo col supporto del prefetto l’attivazione di una seria azione di coordinamento tra le forze in campo. Inoltre sarà opportuno al fine di operare una vera e concreta azione di prevenzione, che le forze dell’ordine, quotidianamente, dal 15 giugno al 15 settembre, operino dei controlli continui delle aree maggiormente a rischio”.
Da ultimo l’assessore regionale alla cooperazione ha voluto esprimere la propria solidarietà e quella del governo regionale alla famiglia Cucinotta, duramente colpita da un dramma immenso, al sindaco di Patti e a tutta la comunità colpiti da una simile tragedia.

Leave a Response