Nizza. Arrestato il secondo rapinatore dell’Unipol

NIZZA DI SICILIA – E’ stato arrestato dai carabinieri della compagnia Messina Sud, coordinati dal capitano Manuel Scarso, il secondo giovane che lo scorso 3 luglio avrebbe partecipato alla rapina ai danni della Banca Unipol di Nizza di Sicilia. Le manette sono scattate, questa mattina all’alba, ai polsi di Salvatore Sapuppo, 21 anni, residente a S. Giovanni La Punta, in provincia di Catania. Il giovane è stato prelevato nella propria abitazione dagli uomini dell’Arma della stazione di Roccalumera, che hanno agito sotto le direttive del maresciallo Santo Arcidiacono. Sapuppo dovrà rispondere della rapina ai danni dell’istituto di credito e di un’auto, una Opel Corsa, che lo stesso avrebbe sottratto ad un anziano di Nizza Sicilia poco dopo il colpo, fruttato circa 9 mila euro. Il proprietario del mezzo venne scaraventato per terra con la forza. L’auto, servita per la fuga, venne ritrovata un paio di giorni dopo sul lungomare di S. Alessio Siculo. Del fuggitivo si erano perse le tracce. Ma grazie al lavoro di intelligence degli uomini dell’Arma della stazione dei carabinieri di Roccalumera e della Compagnia ha portato all’individuazione del giovane catanese, anche sulla scorta  di alcuni importanti indizi. A quanto pare, alla rapina del 3 luglio all’Unipol avrebbe partecipato anche una terza persona, che avrebbe fatto da “palo”. I carabinieri sarebbero già sulle sue tracce e potrebbe avere le ore contate. Poco dopo il colpo, invece, finì in manette un 19enne di Acireale, Andrea Filippello, già noto alle forze dell’ordine, che si era introdotto all’interno dell’istituto di credito facendosi consegnare dal direttore, sotto la minaccia di un taglierino, i soldi che vi erano in cassa. L’altro complice sarebbe invece entrato all’interno dell’istituto di credito in un secondo momento. Il piano antirapina dei carabinieri scattò nel volgere di pochi minuti grazie ad una telefonata al 112 di un dipendente. Sul posto giunse una prima pattuglia che raccolse la descrizione dei rapinatori, rivelatasi determinante per l’individuazione e l’arresto del presunto autore materiale del colpo. Due dei rapinatori vennero rintracciati sulla spiaggia di Nizza di Sicilia da una pattuglia dei carabinieri della stazione di Roccalumera. Speravano di farla franca confondendosi tra i bagnanti, aspettando il momento giusto per allontanarsi dalla zona. Quando vennero scoperti dai militari dell’Arma si sono dati alla fuga. Ne scaturì una caccia all’uomo, finita presto per Andrea Filippello, bloccato ed arrestato. Oggi, il secondo arresto.

Leave a Response