Taormina. Parcheggi, Consiglio approva nuove tariffe

TAORMINA – Cambiano le tariffe per i parcheggi comunali di Taormina. Il Consiglio comunale ha, infatti, approvato il piano tariffario proposto dall’Azienda servizi municipalizzati che, per conto del Comune, gestisce il “Porta Catania”, il “Lumbi” e il piazzale funivia di Mazzarò. E’ stato confermato il ticket comunale di 1 euro per ogni auto dei non residenti e di 40 euro per i bus. Le nuove tariffe saranno, a giorni, pubblicate nel sito dell’ASM www.taorminaservizipubblici.it. Le modifiche più rilevanti riguardano, principalmente, il parcheggio “Porta Catania”. Per quanto riguarda, per esempio, gli abbonamenti annuali, la nuova tariffa prevede un aumento per gli stalli numerati. Il costo dell’abbonamento è passato da 350 a 550 euro, la stessa tariffa approvata per i non residenti. Per ciò che concerne l’abbonamento residenti senza posto garantito, invece, tutto è rimasto uguale, vale a dire 350 euro annuali.  Sempre per il “Porta Catania” sono aumentanti anche gli abbonamenti semplici: per sette giorni, il costo è passato da 40 a 50 euro; quello mensile per i residenti è passato da 50 a 70 euro. A luglio ed agosto, i non residenti, sempre per 30 giorni, dovranno pagare 170 euro; a settembre, invece, 100 euro. E’ rimasto invariato, vale a dire 200 euro l’anno, il costo dell’abbonamento per i veicoli a due ruote. Per il parcheggio “Lumbi”, invece, non sono state decise modifiche. Vuol dire, quindi, che i residenti continueranno a pagare, anche per gli abbonamenti annuali con posto assegnato, 350 euro.
Una scelta, quella dell’ASM e del Consiglio comunale che ha approvato il nuovo tariffario, che serve per sottolineare le diverse caratteristiche dei due parcheggi: il “Porta Catania” è stato identificato come un impianto più comodo, più facilmente raggiungibile perché si trova a pochissima distanza dal centro storico. I clienti del “Lumbi”, compresi i residenti, invece, per ricoverare le loro auto devono, sino a quando saranno realizzati degli ascensori parcheggio-centro, assoggettarsi ad un “mini” viaggio e servirsi dei bus navetta.
Sempre a proposito del “Porta Catania” è stata istituito un abbonamento annuale per lavoratori pendolari. Pagando 550 euro per un anno, potranno servirsi dell’impianto ma solo dalle 6,00 alle 18,30; per un mese e per lo stesso orario, invece, l’abbonamento costerà 80 euro. I pendolari che, invece, vorranno servirsi del “Lumbi” avranno uno sconto: pagheranno 50 euro invece che 60 e potranno utilizzare, gratuitamente, i bus navetta.
Sono sensibilmente cresciute le tariffe nei periodi di maggiore affluenza di turisti, vale a dire per tutto il mese di agosto e per Capodanno, l’Epifania, il periodo pasquale, il 25 aprile, il primo maggio ed il 26 dicembre. Parcheggiare al “Porta Catania”, in questi giorni costerà 4 euro per un’ora; 7,40 per un’ora e mezza; 7 per due ore sino ad arrivare a 16 euro per 24 ore. Per gli stessi giorni, invece, le tariffe del “Lumbi” andranno da 4 euro per un’ora e 15 minuti a 14,50 per 24 ore e 22,50 per 48 ore.
Il Consiglio comunale ha, inoltre, approvato le nuove tariffe per la Funivia Centro-Mare. Il biglietto di corsa semplice passa da  1,80 a 2,00 euro; quello d’andata e ritorno, da 3,00 euro passa a 3,50. E’ stato istituito, con un costo di 14,00 euro, il biglietto cumulativo d’andata e ritorno per gruppi di almeno 5 persone.

Leave a Response