Nizza di Sicilia, lotta all’inquinamento acustico

NIZZA DI SICILIA – Domenica Brigandì, consigliere comunale del gruppo di minoranza di Nizza di Sicilia, ha scritto una lettera aperta ai sindaci dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani, per porre l’attenzione su un problema che ad oggi, non è stato oggetto di iniziative da parte degli amministratori locali: “l’inquinamento acustico”. Si tratta, purtroppo di un problema che riguarda, soprattutto, i centri abitati – rileva la Brigando-  che si trovano a ridosso della rete ferroviaria e   autostradale, dove i cittadini sono sottoposti ai rumori continui e assordanti del traffico, soprattutto nel periodo estivo, quando a causa del clima, si è costretti a tenere  aperte porte e finestre delle abitazioni. L’esposizione a tali rumori  producono conseguenze sul sistema neurovegetativo, provocando irritabilità, stress, disturbi all’udito, insonnia, ecc… La Brigandì sollecita i sindaci dell’Unione dei Comuni affinché si facciano carico di attenzionare  il problema dell’inquinamento acustico nei centri abitati,  programmando opportuni interventi, peraltro già attuati in molti centri del comprensorio jonico catanese, con la collocazione di schermi fonoassorbenti, finestre silenti, pavimentazione drenante, di concerto con gli organi interessati, l’Ente gestore dell’ Autostrada Me-Ct, le Ferrovie dello Stato,  le varie autorità preposte alla tutela dell’ambiente e del territorio, le rappresentanze dei cittadini. Il consigliere di minoranza, propone, altresì, di promuovere una campagna di sensibilizzazione pubblica su questo importante problema, attraverso le agenzie educative e di informazione del territorio, al fine di far acquisire una corretta conoscenza degli effetti del “rumore”sulla vita umana, che sicuramente contribuirà a migliorare il benessere e la qualità della vita dei cittadini.

Leave a Response