Messina avrà il suo aeroporto nella Valle del Mela

MESSINA – Il presidente della Provincia regionale di Messina, Salvatore Leonardi, ha sottoscritto l’accordo di programma in merito alla realizzazione di un aeroporto nel comprensorio della Valle del Mela.
Il documento è stato, altresì, firmato: per l’ASI di Messina, dal commissario, Venerando Lo Conte;  per la Camera di Commercio, dal vice presidente, Enzo Musmeci; per il comune di Messina, dall’assessore alla Viabilità, Arturo Alonci e dai sindaci o delegati dei comuni di: Alì, Barcellona, Brolo, Caprileone, Cesarò, Falcone, Fiumedinisi, Fondachelli, Furnari, Gallodoro, Gioiosa, Graniti, Gualtieri, Librizzi, Lipari, Malfa, Mazzarrà S.Andrea, Merì, Milazzo, Mirto, Moio Alcantara, Monforte S.Giorgio,  Montagnareale, Naso, Nizza, Novara, Patti, Raccuja, Roccafiorita, S. Pier Niceto, Salina, Saponara, Spadafora, Torregrotta, Ucria, Villafranca Tirrena      
Con l’accordo di programma si determinano le linee guida e di indirizzo programmatico per verificare la fattibilità tecnica, giuridica, ambientale e sociale nel comprensorio della Valle del Mela o, in altra allocazione della provincia di Messina, di un aeroporto di terzo livello e di tutte quelle infrastrutture e collegamenti necessari per la sua  migliore fruibilità.
La Provincia regionale di Messina è ente capofila per il coordinamento degli interventi e per la predisposizione della documentazione necessaria.

 

Il progetto di realizzazione dell’aeroporto costituisce uno degli obiettivi fondamentali al fine: di migliorare la situazione dei trasporti da e per la Provincia di Messina; di superare la perifericità territoriale della provincia tutta; di ridurre lo svantaggio competitivo del sistema regionale siciliano e della provincia messinese in particolare; di migliorare l’accessibilità ai poli di interesse nelle aree interne della regione medesima ed in particolare rispetto alle isole Eolie ed all’Area dei Nebrodi;
• Il raggiungimento di tale obiettivo deve essere perseguito attraverso una più stretta cooperazione tra Governo, Regione, Provincia, il Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale di Messina, la Camera di commercio di Messina, il Comune capoluogo, i Comuni di Barcellona P.G. e Milazzo e gli altri Comuni interessati, nonché ogni altro soggetto pubblico e/o privato interessato al processo di sviluppo civile ed economico della Provincia, nel quadro di un programma di interventi individuato come un complesso unitario cui assicurare una pianificazione e un’ attuazione coordinata e funzionale;
• Tale programma non può prescindere dalla necessità di pianificare la realizzazione ed il successivo sviluppo del costruendo aeroporto in una logica di rete che: assicuri collegamenti stradali adeguati con i principali assi viari e ferroviari già esistenti, nonché con il porto di Milazzo; preveda la realizzazione di nuovi collegamenti con le aree marginali della Provincia; preveda collegamenti adeguati con le diverse tratte aeree nazionali ed eventualmente internazionali;
• L’Amministrazione Provinciale di Messina ha assunto, allo scopo, l’iniziativa di organizzare incontri fra i diversi soggetti interessati per accertare la fattibilità del suddetto programma con il raggiungimento del prefissato obiettivo, ed ha individuato, fatte salve le verifiche di
fattibilità tecnica, giuridica, ambientale e sociale, nel comprensorio della Valle del Mela, l’area che meglio potrebbe ospitare il realizzando aeroporto;
• La Provincia Regionale di Messina, nell’ambito del cui territorio ricadono i Comuni interessati alla realizzazione dell’intervento infrastrutturale, è disponibile ad espletare le funzioni di ente capofila oltre ad impegnarsi ad acquisire i prescritti nullaosta che dovessero necessita re;
• In considerazione dell’evidente utilità collettiva e dei sicuri riflessi positivi che l’opera potrà avere sull’occupazione e sulla ripresa economica della intera Provincia;
• L’accordo di programma, previsto dall’art. 34 del Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 (Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali), rappresenta la forma di coordinamento più ampia possibile tra le varie amministrazioni ed è funzionale allo scopo di consentire, in un unico procedimento decisionale, un iter burocratico altrimenti frammentato in sub procedimenti di competenza delle singole amministrazioni.
Tutto ciò premesso e considerato, i sottoscritti legali rappresentanti degli Enti e delle Istituzioni locali interessati, stipulano il seguente

ACCORDO DI PROGRAMMA

ART. 1
(Ricezione delle premesse)
Le premesse formano parte integrante ed essenziale del presente accordo.

ART. 2
(Oggetto dell’accordo)
Il presente accordo di programma ha la finalità di determinare le linee guida e di indirizzo programmatico per verificare la fattibilità tecnica, giuridica, ambientale e sociale, nel comprensorio della Valle del Mela o in altra a!locazione, provincia di Messina, di un aeroporto di 30 livello e di tutte quelle infrastrutture e collegamenti necessari per la sua migliore fruibilità.
ART. 3

(Ente capofila)
I Comuni e le altre Istituzioni che sottoscrivono il presente atto individuano nella Provincia Regionale di Messina (e per essa il Presidente pro tempore,) l’ente capofila per il coordinamento degli interventi, per la predisposizione della documentazione necessaria alla verifica della fattibilità tecnica e giuridica e alle richieste di finanziamento comunitario, nazionale e/o regionale. A tal fine le parti contraenti si impegnano a porre in essere ogni misura necessaria, compresa la costituzione di apposita società, a prevalente capitale pubblico, con il compito di verificare sollecitamente la fattibilità dell’opera sotto l’aspetto tecnico, giuridico, ambientale e sociale e, accertata la complessiva fattibilità, procedere alla progettazione preliminare dell’opera stessa, nei modi e nelle forme di legge, ed alla predisposizione di tutti gli atti amministrativi e di tutti gli atti istruttori occorrenti e necessari per il buon fine del presente accordo.

ART. 4

(Compiti della Provincia Regionale)
Nello specifico, la Provincia Regionale di Messina, nel ruolo di Ente capofila, in questa fase, assume l’impegno a provvedere all’espletamento di tutte le incombenze necessarie alla costituzione dell’apposita società, alla definizione degli studi di fattibilità dell’opera ed alla pubblicazione del presente accordo.

ART. 5

(Compiti dei Comuni)
Nello specifico, i singoli Comuni posizionati nel comprensorio della Valle del Mela interessati dalla costruenda opera, assumono l’impegno a provvedere all’espletamento dei seguenti compiti:
a) avviare le procedure di costituzione della apposita società, fatta salva la competenza in materia da parte del Consiglio Comunale;
b) fornire, per il tramite dei rispettivi Uffici Tecnici, il necessario supporto tecnico-amministrativo ai fini della definizione degli studi di fattibilità e della progettazione preliminare dell’opera;
c) una volta accertata la complessiva fattibilità dell’opera da realizzare, convocare il Consiglio Comunale per l’approvazione della fattibilità dell’opera, anche sotto il profilo ambientale e sociale, ed al fine di ottenere la ratifica dell’accordo, ove la realizzazione dell’opera comporti variazione degli strumenti urbanistici.

ART. 6
(Proprietà delle opere realizzate)

Le amministrazioni sottoscriventi il presente accordo stabiliscono che le opere che verranno realizzate nei propri territori faranno parte del loro patrimonio indisponibile. Se, però, le opere dovessero essere realizzate in tutto o in parte attraverso procedure di progetto di finanza, o altre procedure, i criteri di attribuzione dei beni realizzati saranno determinati dagli accordi intercorsi con i privati.

ART. 7

(Organismo gestore)
Le amministrazioni sottoscriventi il presente accordo si impegnano, fatta salva la competenza in materia da parte dei rispettivi consigli, a costituire un organismo societario, a prevalente capitale pubblico, con il compito di attivare tutte le iniziative per verificare preliminarmente la fattibilità tecnico-giuridica dell’opera e, procedere, ove l’opera si dimostri fattibile, alla progettazione preliminare della stessa, nei modi e nelle forme di legge.
La società, ove i finanziamenti pubblici fossero insufficienti alla realizzazione funzionale della struttura, potrà ricorrere all’istituto del progetto di finanza secondo le vigenti disposizioni in materia e le condizioni e prescrizioni deliberate, a maggioranza assoluta dei componenti, dall’assemblea della società.
Nelle more della costituzione dell’apposito organismo societario, le attività, per accordo degli Enti sottoscriventi, saranno coordinate dalla Provincia Regionale di Messina — quale Ente capofila — almeno in queste fasi prodromiche e preparatorie.

ART. 8

(Vigilanza)
Ai sensi dell’art. 34 del Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 (Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali), la vigilanza sull’esecuzione dell’accordo di programma e gli eventuali interventi sostitutivi sono svolti da un Collegio presieduto dal Presidente della Provincia Regionale di Messina e composto da sei rappresentanti degli enti interessati (uno nominato dal Comune di Messina, uno dal Comune di Barcellona RG., uno dal Comune di Milazzo, uno dalla Camera di Commercio di Messina, uno dal Consorzio A.S.I. di Messina, uno dagli altri soggetti sottoscrittori). Le eventuali controversie non definite dal collegio, sono devolute alla cognizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

ART. 9
(Durata dell’Accordo)
Il presente Accordo di Programma Quadro è vincolante per tutti i soggetti sottoscrittori.
L’Accordo resta in vigore (fatto salvo il definitivo accertamento della non fattibilità tecnica, giuridica, ambientale e sociale dell’opera nel sito individuato od in altra allocazione, che, comunque, sia coerente con l’esigenza di dotare il territorio provinciale di un aeroporto al servizio dell’intera comunità) fino alla definizione della progettazione preliminare delle opere, salvo formale proroga, assunta a maggioranza assoluta dei soggetti sottoscrittori, per i successivi adempimenti legati alla realizzazione dell’opera.
Gli enti sottoscrittori prendono atto che l’Amministrazione Provinciale ha stanziato nel proprio bilancio la somma di 25.000 euro per gli adempimenti preliminari connessi alla costituzione della società.

ART. 10

(Pubblicità)
Il presente accordo, approvato con provvedimento del Presidente della
Provincia Regionale di Messina, verrà affisso all’albo pretorio degli Enti
interessati per la durata di quindici giorni consecutivi e pubblicato sulla
Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia.

ART. 11

(Clausola finale)
Per concorde volontà dei sottoscrittori, il presente Accordo, con decisione assunta a maggioranza assoluta dei voti dei soggetti sottoscrittori, può essere modificato o integrato; allo stesso potranno aderire altri Comuni interessati, assumendo relativi obblighi; possono aderirvi altri soggetti la cui partecipazione sia rilevante per la compiuta realizzazione delle attività e degli interventi previsti dal presente Accordo e per gli ulteriori interventi da prevedere in funzione delle attività future e peculiari dello scalo.
Per quanto non espressamente previsto dal presente accordo di programma, le parti rimandano alla normativa vigente.

Leave a Response