Taormina, il sindaco difende l’ospedale ”Sirina”

TAORMINA – La notizia che l’ospedale “S. Vincenzo” di contrada Sirina di Taormina è stato inserito, a seguito dell’ispezione dei NAS, nella lista nera delle strutture sanitarie siciliane è all’attenzione dell’amministrazione comunale. Secondo il sindaco, Carmelantonio D’Agostino “le notizie diffuse dal Ministero della Salute non riportano dettagli o spiegazioni sui risultati dell’ispezione. E’, quindi, inspiegabile quanto si legge sui giornali di tutta Italia. Inspiegabile – rileva il primo cittadino – perchè dal rapporto stilato dai carabinieri e consegnato, in copia, alla Direzione sanitaria del nosocomio ed alla direzione dell’ASL n. 5 di Messina, non risulta nessuna irregolarità apprezzabile. Per quanto riguarda l’igiene e le strutture tutto è stato ritenuto, come dice il verbale, nella norma”. Secondo il sindaco, l’indicazione fornita ai mezzi d’informazione deve “Considerarsi quantomeno anomala perché si riferisce alla struttura ospedaliera più funzionale di tutta la provincia di Messina, un fiore all’occhiello della sanità siciliana e, di conseguenza, della comunità taorminese”.
D’Agostino aggiunge: “Per spiegare l’inserimento nella lista nera del “Sirina” può essere dovuto solo ad un errore di valutazione”. Il sindaco, però, nelle sue dichiarazioni va oltre: “Si può ipotizzare (una possibilità ovviamente tutta da verificare) un’operazione di denigrazione di un ospedale che funziona, che è all’avanguardia per favorire altre strutture”.
Anche per questo, secondo D’Agostino “è urgente che l’ASL n. 5, la Direzione dell’ospedale, i NAS facciano chiarezza sull’episodio che non può oscurare una realtà positiva che riguarda Taormina e la sanità del Messinese. Appare utile rendere pubblico il testo integrale del verbale redatto dai NAS. Penso, inoltre – afferma D’agostino –  che anche il ministero della Salute debba fornire ulteriori informazioni per consentire di capire quanto accaduto. In questa maniera, probabilmente, si potrà chiarire quanto, al momento, si può considerare un equivoco”.
A proposito dell’ospedale “Sirina” e del rapporto dei NAS, infine, il sindaco di Taormina esprime “solidarietà al personale sanitario, parasanitario ed amministrativo che opera nell’ospedale che è indicato come un centro di qualità”.

Leave a Response