Itala. Incidente sulla A 18, grave 38enne di Patti

ITALA – Se i medici ririusciranno a strapparlo alla morte resterà invalido. Salvatore Fava, 38 anni, residente a Patti, sta lottando per la vita nel reparto di Chirurgia plastica dell’ospedale Cannizzaro di Catania, in seguito ad un incidente stradale verificatosi in autostrada all’altezza di Itala. L’uomo ha avuto amputato il braccio destro e le sue condizioni vengono definite disperate dai medici del presidio ospedaliero catanese. L’incidente si è verificato la scorsa notte sulla A-18, all’interno della galleria Noritteddo, all’altezza de centro abitato di Itala. Miracolosamente salvi la moglie e i figli rispettivamente di 3 e otto anni. La dinamica dell’incidente è stata ricostruita dagli agenti della Polstrada del distaccamento di Giardini Naxos. Alla guida della “Seat ibiza” c’era la moglie di Fava, Mariafrancesca Corica, di 32 anni, mentre i figli si trovavano sul sedile posteriore e al momento dell’incidente stavano dormendo. Secondo la ricostruzione degli investigatori, pare che la donna abbia perso il controllo del mezzo durante un sorpasso all’interno di una galleria della A-18, direzione Catania-Messina. L’autovettura durante il sorpasso ad un autocarro avrebbe iniziato a sbandare, andando a sbattere contro il guard-rail prima di capovolgersi. Ad avere la peggio è stato Salvatore Fava che ha riportato la parziale amputazione del braccio destro. L’arto è stato amputato all’uomo all’ospedale di Messina dove è stato trasportato d’urgenza nella notte, prima del trasferimento al Canizzaro di Catania, ritenuto più attrezzato dai sanitari di Messina. L’uomo è in condizioni disperate perché oltre all’amputazione del braccio ha anche riportato un violento trauma cranico. Rimasta miracolosamente illesa la moglie di Fava e i due figli che hanno riportato soltanto delle lievi escoriazioni giudicate guaribili in pochi giorni. Gli agenti della Polstrada hanno ricostruito la dinamica dell’incidente sulla base delle indicazioni fornite da Mariafrancesca Corica che stava conducendo il mezzo. Non si esclude che la vettura possa avere avuto un problema di carattere meccanico proprio mentre stava marciando sulla corsia di sorpasso. Gli agenti della Polstrada stanno anche cercando di accertare se vi siano state delle responsabilità da parte de conducente dell’autocarro.

Leave a Response