Messina sede dello sciopero dei pensionati siciliani

MESSINA  –  “Anziani: la storia che ha costruito il nostro Paese, il futuro che è trasmesso ai giovani”. E’ questo lo slogan scelto per la giornata nazionale di mobilitazione dei sindacati dei pensionati italiani programmata per il prossimo martedì 12 giugno. Cgil Spi, Fnp Cisl e Uilpensionati rivendicano il diritto a una vita dignitosa, il diritto ad essere cittadini a pieno titolo, il diritto ad essere ascoltati. I pensionati si sentono una energia attiva per l’Italia e vogliono continuare ad esserlo. La città di Messina è stata scelta come sede della manifestazione regionale organizzata dalla Federazione Pensionati della Cisl. Il concentramento dei manifestanti è previsto in via Alessio Valore, nei pressi della stazione Marittima, da dove partirà un corteo che si snoderà lungo via Calabria, via Primo Settembre, via Garibaldi sino a piazza Cairoli dove è previsto un comizio del Segretario Generale della Cisl Sicilia Paolo Mezzio e del Segretario Regionale della FNP Carmelo Raffa. Con lo sciopero nazionale, i Sindacati dei Pensionati chiedono il recupero del potere d’acquisto delle pensioni perso negli ultimi anni e meccanismi strutturali in grado di difendere il loro valore nel tempo. Non è una rivendicazione corporativa, ma un obiettivo che può contribuire all’aumento dei consumi e alla ripresa economica di tutto il Paese.
una legge nazionale sulla non autosufficienza. È l’occasione per dotare l’Italia di una rete di servizi e sostegni adeguati a favore delle persone non autosufficienti e delle loro famiglie, su cui grava l’onere dell’assistenza. Ciò consentirebbe di rispondere ai bisogni di chi è più debole e dare ai giovani nuove opportunità di lavoro. “I pensionati Cgil, Cisl e Uil – afferma il Segretario Regionale della FNP Cisl Carmelo Raffa – hanno indetto una giornata di lotta e di protesta per rivendicare dal Governo nazionale l’avvio e la conclusione della trattativa per il recupero del potere d’acquisto delle pensioni e per la legge sulla non autosufficienza. Tale giornata di lotta deve significare un momento alto per far comprendere all’opinione pubblica la gravità del problema che riguarda da un lato 17 milioni di pensionati e dall’altro altri 2 milioni di non autosufficienti. Da questo – continua Carmelo Raffa – discende la scelta della FNP Cisl della Sicilia di fare una manifestazione a Messina. L’obiettivo è dare visibilità, attraverso la protesta, alla vicenda e quindi costringere il Governo nazionale a porre al centro della sua azione un grave problema di equità sociale e di rispetto della dignità degli ultimi. La decisione di svolgere la manifestazione a Messina nasce perché la città dello stretto ha assunto negli ultimi tempi i tratti della città di frontiera, con tanti problemi e tanti pensionati al minimo della pensione”. “I disagi dei pensionati di questo territorio aggravati dalle condizioni socio economiche mostrano quotidianamente la miseria della povertà – ribadisce il Segretario Generale della Ust Cisl di Messina, Maurizio Bernava – Ringraziamo pertanto la FNP Cisl per questa significativa scelta e saremo al fianco di tutti i pensionati della Sicilia in questa dura, tenace rivendicazione di giusti ed inalienabili diritti. Per Messina, inoltre, diventa un altro importante momento sociale che avvicina alla mobilitazione generale”.

Leave a Response