Taormina. In funzione l’ufficio turistico del Comune

TAORMINA – Entrerà in funzione domani l’ufficio turismo del Comune di Taormina. Funzionerà in tutti i fine settimana, dal venerdì pomeriggio a domenica. Avrà sede nello storico palazzo Corvaja. “Si tratta – ha spiegato l’assessore al Turismo, Salvo Cilona – di un’iniziativa che si è resa necessaria dopo che abbiamo appreso che l’Azienda Soggiorno e Turismo, ufficio dell’assessorato regionale al Turismo, non potrà assicurare lo stand informazione proprio nei fine settimana”. Il Comune di Taormina, sinora, non ha curato direttamente questo tipo di servizio. Ha sempre fatto riferimento all’Azienda Soggiorno che, sino a quando questa è stata messa nelle condizioni di operare a pieno regime, ha svolto egregiamente il suo ruolo. Ora, però, l’Aast, così come tutte le altre aziende siciliane, è stata interessata da un processo di forte ridimensionamento. La situazione è aggravata dal fatto che l’azienda di Taormina, oltre che bloccare ogni attività venerdì pomeriggio per riaprirli il lunedì, chiude i propri uffici, ogni giorno, alle 14,00. Pare che la Regione non sia nelle condizioni di assicurare i fondi necessari per le turnazioni e gli straordinari. “Creando – dice Cilona – un grave danno d’immagine alla città”. Solo sino a qualche settimana fa, invece, l’Aast funzionava tutti i giorni, anche nel pomeriggio e nei giorni festivi. Rappresentava l’unico centro operativo legato all’attività turistica di Taormina, la più rinomata località di soggiorno della Sicilia. “Con il nostro Ufficio Turismo – spiega Cilona – cerchiamo di fronteggiare l’emergenza. Cominciamo con piccoli passi ma, anche nell’attesa di sviluppi, cercheremo di potenziare il servizio”. L’assessore fa riferimento ad alcune notizie che provengono da Palermo. “Si ipotizza – dice – che le AAST, non verranno effettivamente chiuse ma, forse, strutturate in maniera differente rispetto a prima”. Intanto, Taormina guarda ai costituendi Distretti Turistici. In provincia di Messina ne dovrebbero nascere 3. “Uno sarà, sicuramente, – aggiunge  Cilona- quello dello Ionio e, forse dell’Alcantara, con Taormina comune capofila.

Leave a Response