S. Teresa, a Briguglio-Mondello il 4. Rally Phoenix

S. TERESA DI RIVA – Un 4° Rally Phoenix Taormina e Comprensorio Jonico, avvincente ed incerto come non mai nel quale le posizioni di vertice sono cambiate quattro volte senza dare mai nessuna indicazione all’incandescente battaglia. Bruno Briguglio e Sergio Mondello su Renault Clio RS Ligth hanno vinto la combattuta 3^ prova dello Challenge di 8^ Zona, organizzata dal Team Automobilistico Phoenix. I portacolori messinesi del sodalizio organizzatore sono balzati al comando dalla terza piazza, dopo la P.S.5 “Limina”, dove favoriti dal fondo asciutto, hanno sferrato l’attacco decisivo perfettamente coadiuvati dall’ ottima vettura curata da Salvatore Caristi. I bravi portacolori della Sikelia di Montalbano Elicona Filippo Bellini ed Enzo Cangemi su Renault Clio Willimas, sono comunque riusciti a contenere le perdite dovute alla situazione, difendendo con la consueta abilità e determinazione la terza piazza e la vetta del gruppo A. Quarta piazza per il messinese di Gioiosa Marea Carmelo Molica affiancato dal santangiolese Tino Pintaudi sulla Renault Clio S1600- Turbocar, passato al comando dopo la 3^ prova, lo ha mantenuto fino alla successiva, cedendolo solo per le avverse condizioni meteo ai vincitori, sul 5° crono. In vetta alla classifica erano balzati Mario La Barbera e Riccardo Bonsignore, vincendo la “Super Special Stage” della vigilia, con la loro Mitsubishi Lancer EVO IX. Gli ennesi hanno ceduto lo scettro a Molica dopo il secondo crono a causa della rottura di un semiasse, poi il ritiro sulla P.S. 4 per un danno alla sospensione anteriore sinistra. Ritiro all’uscita dalla penultima prova per i coniugi di Sant’Alessio Siculo Tino Leo e Giuliana Duro su Renault Clio RS a causa di una toccata, mentre difendevano la seconda posizione assoluta. Il podio del gruppo N è stato completato dal sempre protagonista alcamese campione di zona in carica Pier Luigi Trupiano, affiancato dall’agrigentino Antonio Gelardi sulla versione Williams della Clio, che ha chiuso al 4° posto. Tra gli altri ritiri da segnalare quello del messinese Antonino Cannavò su Renault Clio Williams sulla P.S. 3 per uscita di strada; del corleonese Di Lorenzo sulla P.S.6 per il cedimento del differenziale della Lancer EVO VII; Danilo Novelli ha abbandonato al secondo parco assistenza per il cedimento dell’idroguida della sua Clio Willimas; sulla P.S. 4 ha abbandonato il messinese Mauro Amendolia su Peugeot 306 gr. A per uscita di strada; stop sulla P.S. 5 per Antonino Segreto per la rottura di un braccetto sulla Peugeot 106 1.6; sulla P.S. 6 fermo Francesco Ospedale per il cedimento del cambio sulla Clio RS; Fermo sulla P.S. 8 Franco Granata per un danno ad una sospensione dell Mitsubishi Lancer EVO IX. Combattute le classi minori con il messinese Antonio Armaleo primo nella 1600 gruppo N mentre nella 1400 il successo è andato al pilota locale Carmelo Chillemi. L’agrigentino Valerio La Rosa si è aggiudicato la classe 1400 gruppo A e nella 1600 ha trionfato Luigi Guidara. Al traguardo 61 equipaggi su 93 partiti. Da segnalare l’incidente nel quale è rimast coinvolta la Fiat Uno del furcese Gianluca Garufi, che è a S. Teresa di Riva è finita a ridosso di un gruppo di spettatori. Fortunatamente nessuna conseguenza. La classifica dei primi 10: 1. Briguglio-Mondello (Renault Clio Rs Light) in 53’43”9; 2. Bellini-Cangemi (Renault Clio Williams) a  12”07; 3. Molica-Pintaudi (Renault Clio Super 1600) a 49”9; 4. Trupiano-Gelardi (Renault Clio Williams) a 56”9; 5. Mazza-Nigrì (Renault Clio Williams) a 1’03”2; 6. Marchese-Firrincieli (Mitsubishi Lancer) a 1’31”4; 7. Pistone-Rizzo (Renault Clio Williams) a 1’44”1; 8. Rizzo-Russo (Renault Clio Rs Light) a 1’44”2; 9. La Torre-Cafeo (Renault Clio Super 1600) a 1’46”5; 10. Bruno-Chambeyront (Peugeot 206 Rc) a 1’47”8.

Leave a Response