Messina. Speculazioni edilizie, 9 finiscono in galera

MESSINA – La polizia ha eseguito a Messina 9 arresti nell’ambito su una serie di speculazioni edilizie nella citta’ dello Stretto. In manette l’ex presidente del consiglio comunale, avvocati, impiegati dell’Universita’, funzionari del Comune e imprenditori. L’accusa e’ associazione per delinquere finalizzata a commettere falsi e abusi. Avrebbero ottenuti le autorizzazioni comunali per costruire edifici, grazie anche al pagamento di tangenti. Tre degli arrestati sono finiti ai ”domiciliari”. La misura cautelare in carcere è scattata nei confronti dell’ex presidente del Consiglio comunale, Umberto Bonanno, 47 anni, (Forza Italia), dell’avvocato Giuseppe ‘Pucci’ Fortino, 64 anni, del funzionario tecnico dell’Ufficio area coordinamento politica del territorio del Comune Antonino Ponzio, 66 anni, del funzionario tecnico della facoltà di Scienza della Formazione dell’Università Antonio Gierotto, 60 anni, di Giovanni Arlotta, 64 anni, imprenditore residente a Barcellona Pozzo di Gotto, di Salvatore Arlotta, 42 anni, imprenditore anch’egli residente a Barcellona. La misura dei domiciliari è stata, invece, concessa a Giovanni Magazzù, 56 anni, imprenditore, Santi Magazzù, 58 anni, imprenditore e Antonino Smidile, 75 anni imprenditore. Nel registro degli indagati sono finiti i funzionari regionali Giuseppe Giacalone, Rosa Anna Liggio e Cesare Antonino Capitti, tutti palermitani, e due due funzionari dell’ufficio Urbanistica del Comune di Messina, l’architetto Manlio Minutoli e Raffaele Cucinotta.

 I nove arrestati avrebbero ottenuti autorizzazioni comunali per costruire edifici, grazie anche al pagamento di tangenti per la realizzazione del complesso abitativo "Green Park” sul viale Trapani, facendo approvare una variante al piano regolatore generale di Messina per l’edificazione di otto corpi di fabbrica, elevandone l’indice di cubatura. L’operazione immobiliare avrebbe dovuto portare ad intascare tangenti per 1 milione 550 mila euro e a ottenere anche la cessione di alcuni appartamenti dalle societa’ costruttrici S.a.m.m. costruzioni e Ar.ge.mo. srl. L’operazione della polizia denominata “Oro grigio” è scattata all’alba di oggi.

Leave a Response