Itala. Buone le condizioni dell’agente Gaetano D’Angelo

ITALA – Migliorano le condizioni dell’agente di polizia originario di Alì Superiore Gaetano D’Angelo, 29 anni, rimasto ferito ieri da un malvivente di 17 anni che aveva tentato una rapina assieme a un complice nella Banca agricola popolare di Ragusa di Itala Marina. D’Angelo si trova ricoverato al Policlinico di Messina i cui sanitari lo hanno giudicato guarbile in 20 giorni per i profondi tagli riportati al volto a causa dei colpi di taglierino infertigli dal rapinatore. L’eroico agente è stato sottoposto ad un delicato intervento di chirurgia plastica ricostruttiva.
Intanto, sono emersi altri particolari sul tentativo di rapina sventato dal coraggioso intervento dell’agente di polizia che ha visto agire i due malviventi messinesi, residenti al rione Maregrosso, tra cui il 41enne Giuseppe Marotta. Le indagini dei carabinieri della compagnia Messina Sud, che agiscono sotto le direttive del capitano Manuel Scarso hanno accertato la dinamica delle varie fasi che hanno preceduto l’ingresso del rapinatore nell’istituto di credito.
La sequenza dei drammatici momenti sono stati ripresi dalle telecamere a circuito chiuso posizionate all’interno della banca che hanno evidenziato il coraggio di Gaetano D’Angelo, che ha affrontato e bloccato il malvivente, costringendolo prima che fuggisse, a disfarsi del bottino.
In seguito alla violenta colluttazione il giovane delinquente è riuscito a svincolarsi dalla presa del poliziotto e a gudagnare l’uscita. Sebbene sanguinante, per i numerosi fendenti ricevuti al volto, D’Angelo ha continuato a inseguire il giovane malvivente, riuscendo nuovamente a bloccarlo prima che salisse sullo scooter assieme al suo complice. Ancora una volta il rapinatore è riuscito a svincolarsi raggiungendo il vicino il rilevato ferroviario per rifugiarsi in un fabbricato, dove successivamente è stato bloccato dai carabinieri. Il suo complice, che faceva da palo a pochi metri dalla banca, è stato invece rintracciato all’estrema periferia nord di Itala Marina.

Leave a Response