Il terremoto di Messina ”raccontato” dagli inglesi

MESSINA – Lunedì 16 aprile, alle 17, nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, il Console di Gran Bretagna a Napoli, Michael Burgoyne ed i professori Rosario Lentini e Rosario Battaglia, docenti dell’Università di Messina, presenteranno il volume di Maria Teresa Di Paola e Sem Savasta, “Fra le righe”, il terremoto del 1908 attraverso i documenti inglesi e la presenza britannica nell’area dello Stretto di Messina. L’appuntamento è promosso dall’Istituto di Studi Storici “Gaetano Salvemini”, e si inserisce tra gli eventi di preparazione al centenario del terremoto del 1908. All’incontro, che sarà coordinato dal prof. Guido Pescosolido, dell’Università “La Sapienza” di Roma, interverranno il sindaco, Francantonio Genovese, l’assessore all’evento “Messina 2008”, Angela Bottari e la prof. Michela D’Angelo, presidente dell’Istituto Salvemini. Il volume, prendendo spunto dalla presenza britannica nell’area dello Stretto subito dopo il terremoto del 1908, vuole offrire un diverso approccio all’analisi dell’evento, restituendo un’immagine poco nota di Messina di inizio ‘900 e dell’interesse britannico a partecipare alle operazioni di soccorso ed alla rinascita della città. Le riflessioni di Maria Teresa Di Paola, docente di Storia del Risorgimento della facoltà di Scienze Politiche e Sem Savasta, docente di inglese scientifico alla facoltà di Medicina e Chirurgia, prendono avvio da alcune considerazioni contenute in un volume che celebra l’intervento della Marina britannica, che si distacca notevolmente dalla convenzionale ricostruzione fatta nel passato dei soccorsi prestati alle popolazioni terremotate. Gli autori offrono una chiave di lettura della catastrofe sotto l’ottica contemporanea dell’emergenza come fatto politico rilevante a livello sopranazionale, analizzando anche numerosi documenti in lingua originale.

Leave a Response