Alì Terme. Inveisce contro il capotreno: arrestato

ALI’ TERME – Un giovane di 26 anni di Giarre, M. A., è stato arrestato dai carabinieri questa mattina per resistenza a pubblico ufficiale dopo essere andato in escandescenze sul treno Catania-Messina. Il capotreno, poco prima che il convoglio giungesse alla stazione di Alì Terme, aveva chiesto al giovane il biglietto, del quale era sprovvisto. Alla richiesta del documento d’identità, il 26enne ha inveito contro il controllore strappandogli, tra l’altro, il tesserino di riconoscimento spillato sulla giacca. Si sono registrati attimi di apprensione anche tra i passeggeri, sin quando il treno ha raggiunto la stazione di Alì Terme, dove sono intervenuti i carabinieri della locale stazione e della vicina stazione di Roccalumera, al comando dei marescialli Salvatore Garufi e Santo Arcidiacono, che hanno arrestato il giovane catanese, che aveva continuato ad opporre resistenza anche ai Militari dell’Arma. Il 26enne è stato processato per direttissima al tribunale di Messina e condannato a 2 mesi e 20 giorni di reclusione, pena sospesa.

Leave a Response