S. Teresa, l’on. De Luca intende mollare Bartolotta

S. TERESA DI RIVA – Non c’è un momento di tregua  tra gli schieramenti che si contenderanno Palazzo Municipio il 13 e 14 maggio, i ‘’giorni del giudizio’’. Inappellabili. Tutti giocano con le carte al petto, sbirciando come i professionisti del poker. Alla fine, però, li dovranno mettere in mostra, sul tavolo. Ma nonostante i tatticismi, qualcosa trapela. E la notizia che in queste ore gira con insistenza è quella di una definitiva rottura tra l’ex sindaco Nino Bartolotta e l’on. Cateno De Luca, entrambi dell’Mpa. Il ‘’divorzio’’ tra i due, ormai imminente e irreversibile, è su base squisitamente politica, visto che, a quanto pare, De Luca non crede più nelle possibilità del compagno di partito, soprattutto perché Bartolotta ha ancora in sospeso qualche situazione giudiziaria che potrebbe nuocergli in un prossimo futuro nel senso che potrebbe trovarsi nella condizione di dover lasciare la carica nel caso venisse eletto sindaco. E ciò, interpretando il ragionamento dell’on. De Luca, nuocerebbe alla causa comune perché gli elettori visto lo sfascio degli ultimi quattro anni adesso pretendono delle quasi-certezze e, dunque, non intendono fare ulteriori salti nel buio. Eppoi, c’è da dire che  la strategia del rinvio di Bartolotta nell’annunciare o meno la sua candidatura ha generato un po’ di confusione in città anche in casa degli stessi bartolottiani. E che farà l’on. De Luca dopo aver mollato Bartolotta? Andrà, quasi sicuramente, a presentare un proprio candidato e, ovviamente, una propria squadra.

Leave a Response