S. Teresa Riva. Black out elettrico, disagi e proteste

SANTA TERESA DI RIVA – Black out elettrico di quattro ore questa mattina al centro di Santa Teresa di Riva, ma i commercianti di corso Regina Margherita non ci stanno e denunciano l’Enel. Il perchè è presto detto. Lunedì l’Enel aveva distribuito ai residenti degli avvisi con i quali comunicava che ieri dalle ore 8 alle 13,30 sarebbe stata interrotta l’energia elettrica per effettuare lavori di manutenzione agli impianti, indicando una per una le vie interessate al momentaneo distacco della corrente. Dodici traverse di corso Regina Margherita comprese tra piazza Pozzo Lazzaro ed il Borgomarino, praticamente tutto il centro di Santa Teresa di Riva, ma non si faceva menzione di Corso Regina Margherita, che è la strada principale, parallela al lungomare, dove erano in corso i lavori in una cabina elettrica all’interno di un grosso condominio. Con grande sorpresa degli utenti questa mattina alle 8,30 circa anche utenze elettriche di questa strada sono rimaste senza energia elettrica, precisamente quelle comprese tra piazza Municipio ed il ritrovo Briguglio, al centro della città. La corrente è tornata alle 12,30 circa, ma gli utenti si sono guardati dall’accendere computer e macchine elettriche perchè l’Enel nel suo avviso sosteneva che fino alle 13,30 la corrente elettrica poteva essere allacciata e disattivata per prove tecniche. Nel frattempo i 30 commercianti di questa strada, inviperiti per questo improvviso e prolungato stop, anziché starsene  a braccia conserte aspettando che tornasse la corrente elettrica, hanno preso carta e penna e, vetrina dopo vetrina, hanno sottoscritto una lettera di protesta all’Enel di zona annunciando il ricorso alla carta bollata per il danno patito. Dall’Enel ci hanno fatto sapere di avere distribuito l’avviso di interruzione di corrente anche alle utenze sul corso Regina Margherita e che era intuitivo che la corrente avrebbe interessato anche quel tratto di strada. I commercianti però sono fuori dai gangheri per questa ingiustificata disattenzione che ha danneggiato i loro affari. A protestare sono anche due studi legali ed una agenzia di servizi oltre a qualche condomino che è rimasto chiuso per qualche tempo dentro l’ascensore.

Leave a Response