Taormina. Concussione: geometra del Comune a giudizio

TAORMINA – Dodici casi di concussione, vale a dire richieste di “mazzette” per accelerare pratiche edilizie al Comune di Taormina. Di questo deve rispondere il geometra Gaetano Oddo, 61 anni, che tra il 1995 e il ’98 era addetto all’Ufficio tecnico del Comune ionico. Ieri Oddo, che fu anche arrestato nell’ottobre del ’98, è stato rinviato a giudizio dal gup di Messina Antonino Genovese, che ha fissato l’inizio del processo davanti alla seconda sezione penale del tribunale peloritano per il prossimo 8 giugno. A chiedere e ottenere il suo rinvio ai giudizio il pm Adriana Sciglio, mentre il geometra è stato difeso dagli avvocati Antonio Strangi e Paolo Turiano.
Sono numerosi gli episodi di richieste di denaro cristallizzati nei capi d’imputazione, e tutti hanno lo stesso filo conduttore: per “velocizzare” pratiche edilizie del suo ufficio Oddo secondo l’accusa chiedeva favori ai privati, prevalentemente somme di denaro. Nel maggio ’98 al titolare di un albergo taorminese che doveva ristrutturare il plesso chiese una “promozione” per il figlio che lavorava nella struttura come barista e anche l’aumento dello stipendio.

Leave a Response