S. Teresa, catanese va in escandescenze e ferisce Cc

SANTA TERESA DI RIVA – Pomeriggio movimentato al centro di diagnostica di Santa Teresa di Riva dove un uomo di 36 anni originario della provincia di Catania, in preda a sostanze eccitanti, ha dato filo da torcere al personale sanitario, ai carabinieri giunti al comando del maresciallo Maurizio La Monica ed ai sanitari del 118 (medico Salvatore Soraci) intervenuti per calmarlo. Si tratta di Andrea R. di Fiumefreddo. Uno dei carabinieri è rimasto ferito. Tutto è accaduto attorno alle 13 nella sala di accettazione del centro sanitario di via Campo Sportivo. L’uomo, che aveva accompagnato un congiunto, appariva irrequieto e si è presto stancato di attendere, si è diretto deciso verso il centralino, allontanando con una spinta l’incaricata del servizio. Ha cominciato a rispondere alle chiamate, mandando a quel paese tutti gli utenti. E’ subito apparso chiaro al personale medico intervenuto, mentre la sala si scatenava il panico ed era un fuggi fuggi, che l’uomo era un pò troppo euforico, forse sotto l’effetto di alcol o si stupefacenti. Sono stati chiamati i carabinieri e richiesto l’intervento del 118 di piazza Municipio. Alla vista dei militari l’energumeno ha tentando di allontanarsi con passo veloce, ma uno dei carabinieri lo ha raggiunto e dopo avere ingaggiato una vera e propria colluttazione lo ha ridotto all’impotenza. I sanitari del 118 hanno poi fatto il resto con una dose di calmante. Andrea R. è stato quindi fermato e dopo le prime cure da parte dello staff medico del Pte di S.Teresa è stato rinchiuso nella camera di sicurezza della caserma di Santa Teresa di Riva in attesa delle decisioni del magistrato. E’ stato, intanto, denunciato con l’accusa di resistenza, lesioni, minacce, ingiurie a pubblico ufficiale, rifiuto di declinare le proprie generalità e, in ultimo, per interruzione di un servizio di pubblica utilità. Il carabiniere rimasto leggermente ferito è stato medicato dagli stessi sanitari del 118.

Leave a Response