Santa Teresa, è arrivato il commissario straordinario

SANTA TERESA DI RIVA – Si è insediato nella tarda mattinata di ieri il commissario straordinario al comune di Santa Teresa di Riva nominato dal presidente della Regione su proposta dell’assessore alle autonomie locali. Si tratta del dottor Antonino La Mattina, 65 anni, sposato, due figli, palermitano, già dirigente generale dell’ufficio ispettivo della Regione. A riceverlo sulla porta di palazzo Municipio il vice sindaco uscente Gaetano Maggioloti che ha fatto gli onori di casa assieme al segretario del Comune, Maurizio Casale. Il tempo di presentare ufficialmente le sue credenziali e sbrigare le necessarie formalità burocratiche previste dal passaggio delle consegne, ed il dottor La Mattina si è subito messo al lavoro presentandosi ai dirigenti di area, ai revisori dei conti, e, quindi, a tutti i dipendenti del Palazzo. Poche parole con tutti, soltanto l’invito a collaborare per svolgere nel miglior modo possibile il lavoro che c’è da svolgere fino al 13 maggio 2007 quando Santa Teresa di Riva avrà scelto il nuovo sindaco e la nuova amministrazione alla quale passerà le consegne. Il compito che aspetta a Santa Teresa di Riva il neo commissario non è dei più facili, visto anche il clima infuocato di questa campagna elettorale anticipata dalla mozione di sfiducia al sindaco ed irrorata dai veleni di una stagione amministrativa poco edificante e litigiosa, anche se il commissario La Mattina ha gestito emergenze in realtà molto più complesse ed appare, quindi, ben rodato. Santa Teresa, quindi, non poteva pescare di meglio. Ora lo aspetta il battesimo del fuoco.
 

Leave a Response