Alì Terme, ‘Sono dei servizi sociali’ e deruba anziana

ALI’ TERME – ‘’Sono dei servizi sociali di Messina…’’. Questa la frase con la quale questa mattina una giovane donna dai modi gentili e ben vestita si è presentata alla pensionata, C. M., 84 anni, abitante sulla centrale via F. Crispi, vedova, e con una figlia ricoverata in ospedale, derubandola di 4 mila euro. L’anziana non ha avuto nessun sospetto accogliendo la sedicente funzionaria in casa. Era iniziato il solito raggiro. ‘’Signora, vorrei dare una controllata all’appartamento… E poi, un’altra cosa, di che taglio sono le banconote della pensione che ha ritirato alla Posta ieri? Non si sa mai… magari qualcuna potrebbe essere falsa per cui è necessario controllare il numero di serie’’. C. M. non ha esitato un istante a tirare fuori da un cassetto i soldi. E tra una discussione e l’altra,  ad un certo momento la sconosciuta in un batter d’occhio era sparita. Ovviamente con il ‘’malloppo’’ della pensione, altri soldi frutto di risparmi, e un borsellino nel quale la pensionata custodiva altro denaro. A quanto pare, la donna  dei ‘’servizi sociali’’, aveva un complice che l’attendeva su una piccola auto di colore scuro di fronte alla chiesa di S. Rocco. Quando si è resa conto di quanto accadutele, la pensionata è stata colta da lieve malore.
E sempre ad Alì Terme, la scorsa notte un furto è stato commesso ai danni di una sala giochi di piazza Nino Prestia della quale è titolare l’assessore comunale Giuseppe Marino. Magro il bottino. Gli sconosciuti per entrare nei locali hanno letteralmente divelto una inferriata che si affaccia sul lungomare. Una volta dentro hanno rovistato un po’ dappertutto ma si sono dovuti accontentare di una manciata di spiccioli. Sui due episodi indagano i carabinieri della locale caserma.

Leave a Response