Messina, a muso duro Genovese e Buzzanca

MESSINA – Con una propria nota il sindaco Francantonio Genovese ha risposto al presidente provinciale di AN, Giuseppe Buzzanca. “Con riferimento alle lamentele del presidente di A.N., esternate a mezzo stampa, senza voler entrare in una polemica alla quale non sono abituato, voglio rispondere – scrive il sindaco – ai cittadini messinesi e, soprattutto, agli uomini e alle donne che lavorano con impegno e dedizione negli uffici comunali. Questa Amministrazione, a partire dal programma elettorale, ha posto in primo piano la rivisitazione della macchina amministrativa, proprio perché ha inteso dare a tutti la giusta dignità di ruolo professionale, anche al fine di offrire un prodotto di qualità competitivo. Dare eco ad una mortificazione inventata – continua Francantonio Genovese – non rende merito né alla città né a chi lavora per essa ma, anzi, dà il senso di un dialogo che non si vuole instaurare e di una polemica che, in quanto tale, è destinata a non avere alcun seguito. Sono pronto, assieme alla Giunta che rappresento, a fornire nelle giuste sedi ogni chiarimento che porti ad utili interpretazioni delle scelte politico-amministrative intraprese e ad assumermi la responsabilità politica delle conseguenze che ne derivano. Non ho mai pensato agli uomini e alle donne che lavorano in questo Comune come meri dipendenti o addirittura come se fossero dei parassiti né ho mai dato mandato ad alcuno di esprimere, in mia vece, un pensiero diverso da quello appena detto. Mi sembra di assistere ad un risveglio politico, strumentale, sterile, ed improduttivo, che nasconde il tentativo di screditare questa Amministrazione comunale, attraverso strumenti che non hanno nulla a che vedere con l’interlocuzione politica. Colgo l’occasione – conclude il sindaco Genovese – per chiarire in merito alla questione dell’affidamento degli incarichi professionali per le pratiche di sanatoria edilizia che ancora non c’è nulla di definito e che convocherò, come già previsto, gli architetti e gli ingegneri, con i quali si provvederà anche ad azioni concertate”.

Leave a Response