Taormina, prevista assunzione di nuovi 10 vigili urbani

TAORMINA – La Giunta, su proposta dell’assessore al Personale, Fabio D’Urso, ha deciso di rinnovare la convenzione con le tre cooperative dalle quali dipendono i 53 lavoratori in servizio al Comune da quasi otto anni. “Ci siamo mossi – dice l’assessore – per come prevede la legge e quanto disposto dal governo regionale. Da considerare, però che, per adesso, l’INPS è autorizzato a pagare gli stipendi ai dipendenti delle Cooperative sino ad aprile. Sappiamo, però, che con la Finanziaria regionale, il termine dovrebbe essere spostato a fine anno”.
I 53 lavoratori impegnati hanno uno stipendio mensile di 460 euro, per 4 ore di servizio al giorno, per 5 giorni la settimana. Un impegno economico interamente a carico della Regione. “In base alla Legge finanziaria nazionale, nei prossimi mesi, cercheremo – ha aggiunto l’assessore –  di capire se è possibile stabilizzare questi lavoratori”.
A proposito di impiego al comune di Taormina, l’assessore D’Urso, ha dato disposizione di verificare la possibilità di far crescere l’organico del comando Polizia Municipale.  “L’Ufficio del personale ci ha comunicato – ha detto – che con il primo gennaio 2007, nella pianta organica comunale, si sono liberati 2 posti per pensionamenti. Altri due dipendenti saranno collocati in quiescenza entro giugno. Questo vuol dire – ha rilevato D’Urso – che a breve si potranno immettere in servizio 4 dei 10 vincitori del concorso per vigili urbani. In ogni caso, l’Ufficio personale e quello finanziario stanno analizzando la situazione per vedere se è possibile, prima dell’estate,  assumere tutti e 10 i nuovi vigili”.
Per assumere nuovo personale il Comune deve trovare la disponibilità economica necessaria per pagare gli stipendi. “Per i 4 vigili – spiega  D’Urso – tutto pare automatico. Per il resto, invece, si dovrà vedere come muoversi. In base alle Finanziarie, quella regionale (ancora da approvare) e quella nazionale, esisterebbero alcune possibilità che cercheremo di analizzare nei prossimi mesi”. 

Leave a Response