Messina, israeliano muore dopo aggressione a infermieri

MESSINA – Un cittadino israeliano di 34 anni, da una decina di anni abitante a Catania, deceduto nel tardo pomeriggio di mercoledì scorso nel reparto di Psichiatria dell’ospedale “Piemonte”. Subito dopo il suo ricovero, l’uomo ha aggredito tre infermieri ferendoli e poi, improvvisamente, è stramazzato al suolo, privo di vita.
Al nosocomio peloritano il cittadino mediorientale era giunto poco prima, in ambulanza, perché sottoposto a “Tso”. Si tratta del “trattamento sanitario obbligatorio” che, disposto dal sindaco della città di residenza del destinatario, viene attuato nei confronti di quanti dimostrano di non essere in grado di intendere e volere o rappresentano un pericolo per la collettività a causa del loro stato emotivo o patologico.
Sulla vicenda il sostituto procuratore della Repubblica, dott. Antonino Nastasi, ha già aperto un fascicolo disponendo l’autopsia.

 

Leave a Response