S. Teresa, davanti al giudice nove ex amministratori

MESSINA – E’ iniziato oggi  davanti alla prima sezione penale del Tribunale di Messina presieduta dal giudice Faranda, il processo che vede imputati nove componenti dell’ex Consiglio comunale di Santa Teresa di Riva accusati di abuso d’ufficio e interruzione di pubblico servizio. La vicenda riguarda il periodo in cui sindaco di Santa Teresa di Riva era l’attuale presidente del consiglio comunale, Alberto Morabito. Nella competizione elettorale del 25 maggio 2003 la lista Città Nuova, che sosteneva Morabito non ottenne la maggioranza in Consiglio determinando una situazione politica che nel volgere di pochi mesi si concluse con le dimissioni del sindaco. Il processo fa seguito a una serie di esposti con cui la minoranza consiliare e alcuni componenti della giunta denunciarono che i rappresentanti della lista avversaria avevano usurpato le funzioni di gestione spettanti all’esecutivo con una serie di deliberazioni illegittime. Prima dell’apertura del dibattimento l’avv. Massimo Principato, difensore di uno degli imputati, ha prodotto al collegio giudicante una sentenza definitiva, emessa dal Gup. di Messina, con cui i componenti dell’allora maggioranza consiliare sono stati assolti da cinque reati di abuso d’ufficio, contestati per le delibere adottate, per insussistenza del fatto. Nel dibattimento sono stati sentiti, in qualità di testimoni, Carmelo Agatino Maggioloti e Angelo Garufi, rispettivamente vice-sindaco ed assessore della giunta Comunale all’epoca dei fatti e firmatari degli esposti, nonché il dirigente dell’ufficio di ragioneria del Comune di Santa Teresa di Riva, Antonino Caminiti. Il processo riprenderà il 15 febbraio 2007 per l’audizione degli altri testimoni. Gli imputati sono: Giuseppe Lombardo, Antonino Bartolotta, Natale Puglisi, Natale Rigano, Onofrio Chillemi, Paolo Garufi, Roberto Vincenzo Trimarchi, Massimo Rizzo, Carmelo Miuccio, Jhonny Crisafulli.

Leave a Response