Messina, simulazione di un attentato terroristico

MESSINA – Sarà una vera prova di difesa civile che interesserà l’ambito portuale di Messina. Sabato prossimo al molo Norimberga, nel cuore della zona falcata, è in programma un’esercitazione che prevede la simulazione di un attentato terroristico di tipo “R” con “bomba sporca”, proprio nell’area di imbarco dei traghetti diretti a Salerno e non lontano dall’approdo marittimo delle Ferrovie dello Stato.
Il tutto sarà coordinato e diretto dalla Prefettura, diove già si sono svolti diversi incontri con tutti i soggetti interessati e dalla quale verrano resi noti nei prossimi giorni tutti i dettagli dell’importante operazione. Di rilievo anche il supporto dell’Università in vista di un successivo incontro di studio che si svolgerà nell’aula magna di Economia proprio sul tema: “Security e safety nei porti: nuovi scenari”. In pratica un’esercitazione di difesa civile che è anche il frutto di quel clima di allerta innescato dagli attentati terroristici che negli ultimi anni hanno profondamente inciso sulla società. Un’iniziativa che ha registrato l’interesse del ministero degli Interni (sarà presente il sottosegretario Ettore Rosato) e che si svolgerà con il patrocino della Regione, del Comune, della Provincia regionale e dell’Autorità portuale.
Si tratterà di una simulazione curata nei dettagli, dall’attivazione del piano di difesa alla definizione delle procedure di bonifica dell’area contaminata (si parla infatti di un “attentato con materiale radioattivo”). Sarà anche l’occasione per testare i piani di emergenza e di pronto intervento di alcune realtà territoriali, ad esempio il Policlinico universitario. E a seguire, appunto, un momento di discussione e riflessione su un tema di grande attualità: la sicurezza delle aree portuali.

Leave a Response