L’arcivescovo mons. Marra a novembre lascia Messina

MESSINA – A metà novembre, Papa Benedetto XVI nominerà il nuovo arcivescovo di Messina. L’avvicendamento dovrebbe avvenire nel periodo natalizio e in quell’occasione mons. Marra saluterà i fedeli e presenterà il suo successore. Due mesi dopo l’intervento chirurgico subito in conseguenza della rovinosa caduta di Lipari, l’arcivescovo Giovanni Marra è riapparso in pubblico con il sorriso   dei giorni migliori. Nel suo ultimo scorcio di attività pastorale in riva allo Stretto, il presule è tornato a parlare dei mali che affliggono Messina, dalle baracche all’usura (Messina figura terza città d’Italia nel campo dell’usura, con storie estreme e drammatiche). L’arcivescovo «esorta tutti a denunciare, a dare speranza e coraggio alle vittime di un male così subdolo e nascosto. Perché – ha detto – avvertiamo il compito di formazione delle coscienze degli uomini come cittadini di questo territorio». Mons. Marra ha rilasciato anche una dichiarazione in merito al caso del parroco Carmelo Mantarro al quale l’ex perpetua ha lanciato accuse infamanti e che, comunque, dovranno essere dimostrate. «La Chiesa – ha detto l’arcivescovo – ha il dovere di agire con molta prudenza e nel rispetto del sacerdote, anche qualora s’accertasse che abbia sbagliato. Al contempo alcune affermazioni contro di lui, per come fatte – ha proseguito – non possono che suscitare una certa perplessità. Ma sia chiaro: la Chiesa non è né cieca né sorda: agisce sempre, là dove bisogna e quando è opportuno, dopo aver acquisito tutte le motivazioni e ragioni».

Leave a Response