Savoca. Donna mette in vendita un occhio e un rene

SAVOCA – . E’ l’annuncio choc di una donna, Anna Pino di 48 anni, affetta da sindrome post-polio che la costringe a stare su una sedia a rotelle, dopo circa dieci anni di battaglie legali.
La donna, assieme al marito Aurelio Rumia, gestiva un’azienda di commercio all’ingrosso di prodotti alimentari e liquori in contrada San Francesco di Paola, ricadente nel comune di Savoca, e limitrofa a S. Teresa di Riva. Il marito, per conto di due società di Perugia, commercializzava liquori e generi alimentari. .
La coppia è ormai disperata. .
La causa penale a carico dei responsabili delle due società umbre, accusati dai due commercianti di truffa ed estorsione, è stata archiviata dai magistrati di Perugia, mentre è ancora aperto il procedimento civile al tribunale di Taormina per la restituzione delle somme che i coniugi hanno versato agli imprenditori con i quali erano in affari, anche se le due società intanto sono fallite.
.
L’uomo in questi anni ha avuto due infarti, gli è stato inserito un by pass e soffre di depressione.
< In paese ci hanno abbandonati – si sfoga Anna Pino – per anni siamo stati costretti a mangiare patate perché non avevamo un soldo, ma poi con la forza di volontà siamo riusciti a fare qualcosa, comprando qualche fornetto e realizzato dei prodotti tipici locali che vendevamo durante le fiere. Ora nostro figlio ha una piccola rivendita di questi prodotti. Però abbiamo bisogno di aiuto>.

Leave a Response