Forza d’Agrò. Festosa accoglienza al Prefetto

FORZA D’AGRO’ – Legalità e presenza dello Stato anche negli Enti locali periferici. Sono stati questi i temi principali trattati questa mattina a Forza d’Agrò nel corso della visita ufficiale del prefetto di Messina, Stefano Scammacca. Il rappresentante del Governo, giunto insieme alla moglie, è stato accolto in piazza Municipio dal sindaco Bruno Miliadò, con tanto di fascia tricolore, dal tenente Sieli, in rappresentanza dei carabinieri della compagnia di Taormina, dal comandante della locale stazione Filoramo, dal comandante dei vigili Molteni, dagli assessori, dai consiglieri comunali, dai parroci del Centro e di Scifì,  Gerry Currò e Dario Broccio e dagli alunni della scuola elementare, accompagnati dagli insegnanti e dalla direttrice Giovanna Campagna. L’incontro ufficiale con il Prefetto ha avuto luogo nell’aula consiliare del palazzo municipale. Dopo il saluto del sindaco Miliadò, che ha definito la visita del rappresentante del Governo un avvenimento storico, è intervenuta la dirigente scolastica Giovanna Campagna e il presidente del Consiglio comunale Melina Gentile.
Il Prefetto si è poi concesso ai bambini delle scuole elementari, i futuri cittadini, che, spontaneamente, hanno posto numerose domande che spaziavano dall’ordine pubblico alle funzioni del rappresentante del Governo, ai rischi che lo stesso corre. Il pensiero di Scammacca è corso a Dalla Chiesa, assassinato a Palermo quando ricopriva proprio la carica di prefetto. Due le istanze del sindaco Miliadò al Prefetto: la realizzazione della strada di collegamento tra il centro e la frazione Scifì (rimangono da bitumare quattro chilometri) e il completamento della scuola che sorge nella stessa frazione. Ma l’attenzione è stata quasi tutta puntata sulla strada di collegamento senza la quale gli abitanti di Scifì per raggiungere Forza d’Agrò devono attraversare un altro paese, S. Alessio Siculo. E se hanno urgenza della guardia medica, la più vicina è proprio quella della cittadina alessese, cioè di un altro Comune e pertanto devono anche pagare il ticket.
Il prefetto ha detto che si interesserà personalmente della necessità avanzata dal sindaco Miliadò, sia presso la Provincia  che alla Regione. Poi ha ringraziato tutti per l’accoglienza, soffermandosi a parlare delle bellezze di Forza d’Agrò. “Quando posso – ha detto il prefetto Scammacca – vengo spesso con mia moglie e non vi nascondo che una casetta qui sarebbe l’ideale”. Infine ha risposto all’ultima domanda dei bambini, sul suo futuro professionale. “L’obiettivo – ha replicato – senza nulla togliere  a Messina, è quello di chiudere la carriera in una sede prestigiosa”. Finito l’incontro, il Prefetto ha visitato il centro storico ed i monumenti di Forza d’Agrò.

Leave a Response