Milazzo, medico si autodenuncia: ”Truffo lo Stato?”

MILAZZO – Un medico in servizio all’Ufficio registro cause di morte (Rencam) di Milazzo denuncia se stesso ai carabinieri per verificare se esistono i presupposti di un eventuale reato di truffa allo Stato: a suo dire percepisce lo stipendio senza svolgere alcuna attività. Pietro Mondì, 42 anni, reintegrato in servizio il 20 giugno con ordinanza del giudice del lavoro del tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, è stato destinato dall’Ausl 5 all’ambulatorio di salute mentale di Giammoro, con compiti, dice, “sanitari e burocratici”. Ho chiesto più volte per iscritto ai superiori di conoscere le mie mansioni – spiega -, senza ricevere alcuna risposta. Ritengo che questa mia inutilizzazione oltre a dequalificarmi e a stressarmi, peggiorando le condizioni della mia ischemia coronarica, possa configurarsi come truffa ai danni dello Stato”. Trasferito d’ufficio, lo scorso 25 agosto, presso il Rencam di Milazzo, anche lì non è riuscito a sapere quali sono le sue funzioni.

Leave a Response