NIZZA. Biblioteca “infuocata”, protestano i dipendenti

NIZZA DI SICILIA  – A nulla sono servite le reiterate richieste verbali degli impiegati comunali di Nizza di Sicilia, dislocati alla biblioteca comunale, mirate alla sistemazione dell’impianto di climatizzazione, da tempo fuori uso. I dipendenti evidenziano l’impossibilità a lavorare all’interno dei locali che ospitano la biblioteca, ed invitano quanti non ci credono a… scomodarsi per verificare di presenza. In una lettera inviata al sindaco Carmelo Rasconà, viene ribadito che “è dovere di una amministrazione attenta consentire ai lavoratori un ambiente di lavoro dignitoso. E poiché – aggiungono i dipendenti comunali – non siamo più disponibili a bighellonare sul terrazzino in cerca di un minimo di refrigerio, comunichiamo che non garantiremo più l’apertura della biblioteca e che trascorreremo il tempo del servizio in qualche stanza del Comune provvista di aria condizionata”. Ed infine, al sindaco di Nizza viene comunicato che a causa del caldo, nella biblioteca comunale, si è verificato più di un malore”. La missiva conclude con un suggerimento: quello di affiggere un bel manifesto con la scritta chiuso per caldo, per informare l’utenza.

Leave a Response