Proteste a Nizza Sicilia e Alì Terme contro l’Ato4

NIZZA DI SICILIA –  Dopo la diffida all’Ato 4 il Comune di Nizza passa alle vie di fatto con l’affidamento urgente alla ditta Salus 2000 del servizio di raccolta differenziata, di lavaggio cassonetti e pulizia della spiaggia. Il sindaco Carmelo Rasconà con l’ordinanza n 50 ha disposto un nuovo provvedimento per salvaguardare le condizioni igienico sanitarie di Nizza. Dopo la diffida, inviata una settimana fa, alla società d’ ambito Ato 4 con la quale si sollecitava la risoluzione di molti disservizi riguardanti lo svuotamento delle campane per la raccolta differenziata, il discerbamento delle vie comunali, e con l’ invito rimasto inevaso e senza aver alcun riscontro da parte dell’Ato 4, il sindaco Rasconà ha provveduto senza remore a emanare l’ordinanza con addebito delle spese a carico dell’Ato e nel rispetto delle norme contrattuali.
Anche ad Alì Terme, il sindaco Lorenzo Grasso interprete del disagio che stanno vivendo i suoi concittadini per l’insufficiente servizio di gestione dei rifiuti ha diffidato l’Ato 4. La diffida è stata inviata anche alla Procura della Repubblica e per conoscenza alla Prefettura.

Leave a Response