Omicidio Muscolino, chiesti 10 rinvii a giudizio

TAORMINA – Il sostituto procuratore del tribunale di Messina, Vincenzo Cefalo, ha chiesto il rinvio a giudizio per 10 nomadi accusati di aver preso parte alla sanguinosa rapina in cui venne ucciso l’imprenditore Pancrazio Muscolino, e venne ferito lievemente il figlio. La sparatoria si verificò nella villa di Muscolino, a Taormina, in contrada Chianchitta, il 12 settembre dello scorso anno. Per un altro slavo l’accusa è invece di ricettazione. Responsabile dell’omicidio, secondo il pm, sarebbe dunque un gruppo di serbi e croati che aveva la base operativa ad Agrigento. Sei persone sono in carcere mentre le altre sono ricercate e gli investigatori pensano siano fuggite all’estero.

Leave a Response