Al Palermo il derby con il Messina. Segna l’ex Godeas

PALERMO – Il derby siciliano è del Palermo. Il Messina esce sconfitto dalla favorita per 1 a 0, con gol dell’ex Godeas nel primo tempo. Campionato finito con i messinesi che escono dal palcoscenico della Serie A che, comunque, avevano lasciato già una settimana addietro. L’allenatore Ventura manda in campo la migliore formazione possibile, preferendo il giovane esterno Bombara al centrale Ghosheh. Il Messina nei primi minuti del primo tempo ha avuto una grossa occasione per portarsi in vantaggio ma Floccari solo davanti ad Agliardi calcia a lato. Il ritmo della gara è piuttosto blando. Sullo e compagni si mostrano più vivaci, cercano il fraseggio ma peccano di concretezza negli ultimi sedici metri. Il gol partita arriva al 36′: Accardi lascia partire dal limite una violenta conclusione che Caglioni respinge con i pugni, sulla ribattuta Godeas è il più lesto; con un colpo di testa in tuffo deposita la sfera in fondo alla rete. C’è il forte dubbio del fuorigioco ma i messinesi non protestano più di tanto. Nel secondo tempo  il Messina si rende pericoloso ancora con Floccari, che centra la traversa. Il resto è noia. Dopo due campionati di A il Messina ritorna nella cadetteria assieme a Lecce e Treviso. La Juventus, invece, conquista il 29. scudetto della sua storia, le altre grandi ambiti posti nei tornei europei. Ma… ancora è tutto da vedere. Lo scandalo che ha coinvolto il mondo del calcio è talmente colossale che si annunciano stravolgimenti adesso imprevedibili. E per dirla come si usa dalle nostre parti prima bisogna togliere il marcio e poi si vedrà quello che rimane. Il lungo corollario delle inchieste, infatti, non dà certezze a nessuno. Anzi,  una sola verità è emersa: il gioco più bello del mondo è stato sporcato nella sua essenza più profonda. 

Leave a Response