Calcio. La procura di Torino indaga sul mondo arbitrale

Quello tra il mondo del calcio e la Procura di Torino sembra proprio un duello senza fine. Dopo il processo per doping che ha visto coinvolta la Juventus, stavolta la Procura del capoluogo piemontese ha avviato un’indagine sul mondo arbitrale. E il mondo del calcio comincia già a tremare.
L’inchiesta, affidata al sostituto procuratore Raffaele Guariniello, è partita da alcune intercettazioni telefoniche che hanno visto coinvolti importanti dirigenti del calcio italiano e l’indagine è partita da Torino perchè uno di questi dirigenti sarebbe residente proprio nella città della Mole. I fatti in questione riguarderebbero lo scorso campionato e sarebbe partita da un filone del processo per frode sportiva alla società bianconera. Il procuratore Guariniello, infatti, si sarebbe imbattuto in imbarazzanti dialoghi con protagonisti importanti dirigenti del calcio italiano. Nomi non se ne fanno, ma la faccenda riguarderebbe dirigenti di club italiani ma anche federali.

Intanto, prima di Pasqua, una copia dello scottante fascicolo è stata consegnata anche alla Figc, sul pavolo del presidente Franco Carraro e di Italo Pappa, capo dell’Ufficio indagine. Un’altra copia è stata poi inviata all’Uefa, che si sarebbe già mossa nei confronti del dirigente coinvolto. E’ possibile che non ci siano questioni rilevanti dal punto di vista penale, ma sicuramente il polverone riguarderà l’ambito sportivo. La Figc ha di fatto aperto un’inchiesta e probabilmente ha già svolto anche degli accertamenti, il tutto però nella massima segretezza. primo perchè il campionato è nella sua fase finale, secondo perchè il Mondiale è alle porte. Fatto sta che l’ennesimo bubbone calcistico è pronto a scoppiare.

Leave a Response