Roma. Primo Maggio: un milione di giovani in piazza

Circa un milione in piazza San Giovanni, a Roma, per un Primo maggio al di là di ogni aspettativa. Questa volta Cgil, Cisl e Uil sono riuscite a riempire ogni oltre limite una piazza che così gremita i più vecchi ricordavano per i funerali di Palmiro Togliatti e, chi ha qualche anno in meno, per quelli altrettanto imponenti di Enrico Berlinguer. Questa sera, invece, non c’erano morti da onorare ma una festa da svolgere contro la mafia e per la pace.
“Viva l’Italia” è stato il filo conduttore della manifestazione andata avanti per otto ore. Il testo di De Gregori è stato recitato da Bisio, prafrasata dallo stesso comico, cantata, non con grandi risultati artistici, da Guglielmo Epifani, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, i padroni di casa segretari di Cgil, Cisl e Uil. Otto ore in cui il pubblico stipato sotto la basilica e nelle vie tutt’intorno la storica piazza della sinistra romana, composto in larghissima parte di giovanissimi, ha ballato, cantato, insultato Berlusconi in un mix di politica e spettacolo che evidentemente funziona.

Leave a Response