E’ serie B. Non ci rimane che piangere!

Dopo il Treviso e il Lecce retrocede in serie B anche il Messina. Con la sconfitta di Reggio Calabria e la concomitante vittoria del Cagliari, in casa con il Parma, con due giornate ancora da giocare la squadra siciliana puo’ al massimo raggiungere il Siena. Ma nella classifica avulsa sarebbero comunque avvantaggiati i toscani. Ci siamo così tolti ogni pensiero, gli spasmi, le angosce, le domeniche serali in preda alla depressione. Oggi a Reggio Calabria contro una modesta Reggina il Messina ha rimediato un 3 a 0 umiliante. Tre gol nel secondo tempo (Cozza, Amorosu su rigore e Bianchi) che hanno decretato il ritorno dei messinesi nell”inferno” della B. Non vale la pena riportare tabellini o descrivere azioni né tantomeno dare voti. Non servirebbe. Una sola azione, forse, poteva cambiare il volto della gara: nel primo tempo quando Floccari a due metri dalla porta avversaria ha sbagliato un gol facile. Ma ormai è storia. Un Messina che aveva attraversato lo Stretto con qualche velleità, forse convinto di poter espugnare il Granillo e sperare ancora nella permanenza, ritorna a casa con le magliette targate ”B”. I messinesi hanno saputo tenere il campo nei primi 45′, facendo così illudere gli oltre 1300 tifosi che avevano seguito la squadra oltre Stretto e quelli che erano rimasti a casa, seguendo la partita in televisione. Non intendiamo infierire contro nessuno perché il tempo dei bilanci è rimandato.  Adesso è il momento dello sconforto, dell’amarezza così come sono usciti dallo stadio di Reggio Calabria i giocatori messinesi. Dopo due anni di A, dunque, si conclude l’avventura del Messina, così come accaduto 42 anni fa. Un peccato perché al di là della ”palla giocata”, una città e una provincia intera hanno perso un patrimonio con il quale avevano conquistato visibilità non solo in Italia ma in tutta Europa. E adesso? Adesso, come detto, non c’è spazio alle parole, alle attenuanti, ai processi. E’ il tempo dei rimpianti. E di qualche lacrima. Perché nasconderlo. La classifica: Juventus 85, Milan 82, Inter 74, Fiorentina 68, Roma 66, Lazio 56, Chievo 53, Palermo 49, Livorno 47, Parma 45, Empoli 42, Reggina 41, Sampdoria Ascoli Udinese 40 Cagliari 38, Siena 37, Messina 31, Lecce 26; Treviso 19. Messina, Treviso e Lecce in serie B. Prossimo turno: Ascoli-Lazio; Fiorentina-Reggina; Inter-Siena; Juventus-Palermo; Lecce-Chievo; Livorno-Sampdoria; Messina-Empoli; Parma-Milan; Roma-Treviso; Udinese-Cagliari.

 

Leave a Response