Sport. Il Messina a Reggio: vincere o si va in B

MESSINA – Domani al ”Granillo” di Reggio Calabria, il Messina si giocherà il suo futuro e residue speranze di salvezza. E la vittoria è d’obbligo per cullare ancora il sogno di rimanere in A. Altri risultati, infatti, non servirebbero a nulla. L’allenatore come al solito si è dovuto ”inventare” una squadra di sana pianta visto che non può disporre di ben cinque titolari: agli squalificati Aronica, Sculli e Nocerino, si sono andati ad aggiungere D’Agostino e Coppola, vittime di infortuni. Nella seduta di venerdi, i due infortunati hanno continuato a lavorare in disparte, sancendo di fatto il loro forfait per la delicata trasferta di Reggio. Ma non è escluso che all’ultimo momento potrebbero farcela, magari stringendo i denti. Per quanto riguarda la formazione, il tecnico giallorsso intende schierare Storari in porta, pacchetto difensivo formato da Zoro-Zanchi-Rezaei-Parisi: Sullo partità titolare in mediana al fianco di Donati, con il brasiliano Bondi che è stato provato più volte come esterno di sinistra; in alternativa resta la carta Rafael. Confermato l’impiego di Antonelli sulla fascia destra. In attacco appare scontato il ritorno di Arturo Di Napoli, dopo la panchina vissuta con il Milan; al suo fianco dovrebbe giostrare Floccari, con Muslimovic che partirà inzialmente dalla panchina. Per il derby dello Stretto si prevede una nutrita presenza di supporter messinesi, circa un migliaio di irriducibili speranzosi di ricevere un grosso regalo dalla sfida con la Reggina.

Leave a Response