Letojanni. La Regione ha nominato un commissario ad acta per il Prg

LETOJANNI – La Regione ha nominato il commissario per il Piano regolatore generale. Il consiglio comunale, impossibilitato ad affrontare l’argomento a causa delle troppe situazioni di incompatibilità, verrà dunque sostituito dal funzionario. Non si tratta di una notizia inaspettata; lo si sapeva da due mesi. Alla fine dello scorso febbraio, infatti, il civico consesso si era dovuto arrendere alle assenze forzate. In materia di adozione di Prg, vigono dei divieti ben precisi: è necessario che né i consiglieri né i propri parenti e affini fino al quarto grado siano proprietari di immobili che possano ricavare vantaggi da una delle modifiche in discussione (come accade, per esempio, se si propone di trasformare una zona attualmente destinata a uso agricolo in un’area edificabile). La presentazione dello schema di massima aveva già fatto annunciare ad alcuni consiglieri l’impossibilità a rimanere in aula. Altri avevano dovuto rinunciare dopo la presentazione dei primi emendamenti; ma i «superstiti» sarebbero stati comunque sufficienti a proseguire l’iter. La richiesta di inserire ulteriori emendamenti ha invece causato il mancato raggiungimento della soglia minima di presenze. Alla fine, avrebbero potuto votare soltanto Roberto Caristina, Daniela Fileti, Roberta Leotta ed Emanuele Savoca: uno in meno rispetto ai cinque componenti indispensabili per discutere dello strumento urbanistico.

Leave a Response